Muri

Come allineare i muri con le tue mani

L’allineamento delle pareti deve essere eseguito non solo quando si costruisce una nuova casa prima di finire, ma anche nella maggior parte degli appartamenti sul mercato secondario. A volte è sufficiente uno strato livellante di mastice, e talvolta è impossibile evitare il rivestimento delle pareti con cartongesso. L’articolo parlerà di come puoi livellare i muri con le tue mani.

Contenuto:

Esistono diversi metodi su come livellare pareti irregolari. In ogni caso, è importante aderire alla tecnologia, altrimenti il ​​risultato potrebbe essere deludente. I principali sono:

  • livellare le pareti con stucco;
  • livellare le pareti con cartongesso.

Allineamento pareti in cartongesso

  • Questo metodo è adatto quando le pareti hanno cadute molto significative. Sebbene ridurrà in qualche modo lo spazio abitativo, consentirà di realizzare ulteriore isolamento e isolamento acustico.
  • La tecnologia consiste nell’assemblare un telaio da un profilo metallico o doghe di legno, a cui, in futuro, verranno fissati fogli di cartongesso. Le giunture dovranno essere stuccate. A volte, se le pareti vengono preparate per la verniciatura, è necessario applicare uno strato di finitura di intonaco su tutta la superficie..

Nonostante la complessità del processo, questo metodo presenta numerosi vantaggi:

  • la capacità di nascondere il cablaggio senza scheggiare le pareti;
  • nascondere tubi di riscaldamento o tubi dell’acqua;
  • realizzare un design moderno con la disposizione di nicchie nel muro;
  • creare pareti semicircolari o curve;
  • qualsiasi materiale di finitura può essere attaccato ad esso, dalla carta da parati alle piastrelle e alla pietra naturale.

Come scegliere il muro a secco per il livellamento delle pareti?

Prima di scegliere un cartongesso, è necessario prestare attenzione a una serie di parametri:

  • umidità e temperatura ambiente;
  • quanto le pareti saranno soggette a danni meccanici;
  • dimensione della stanza;
  • il carico che verrà esercitato sul muro a secco.

In quest’ultimo caso, anche il foglio di cartongesso più spesso non risolverà il problema, ma questo aiuterà a fare calcoli e fare ipoteche sul telaio nei punti giusti (ad esempio, per montare una TV o pensili da cucina). Quindi, per le pareti, viene scelto un materiale con uno spessore standard di 12,5 mm (quello più sottile è progettato per i soffitti a guaina), che è in grado di resistere a 50 kg / m2.

Inoltre in vendita ci sono lastre fino a 24 mm, che sono in grado di resistere fino a 100 kg / m2. Ma è difficile trovarlo in offerta. La soluzione sarà utilizzare una sovrapposizione di 2 fogli di spessore standard..

Varietà di cartongesso

  • GKLO. È un materiale refrattario che ha una faccia rosa. Viene utilizzato per il rivestimento di caminetti, stufe o aree fumatori. In grado di resistere al fuoco aperto fino a 15-20 minuti.
  • GKLV. È un materiale comune che è altamente resistente all’umidità. Ha un lato anteriore verde trattato con impregnazioni impermeabili.
  • GKLVO. Come è chiaro dall’abbreviazione, non è solo resistente all’umidità, ma anche ignifugo. Il che lo rende un’ottima opzione per l’uso in cucina. La sua caratteristica distintiva è che entrambi i lati sono verdi..

La larghezza dei fogli è di 120 cm o 60 cm, nel secondo caso si tratta solitamente di fogli più spessi e pesanti. La dimensione dovrebbe essere scelta in modo che ci siano il minor numero possibile di giunture durante la guaina.

Suggerimento: non vale sempre la pena risparmiare sul muro a secco. Sembra lo stesso, ma spesso il prezzo è molto diverso. Quindi, quello più economico sarà fragile e fragile, e il suo costoso analogo sarà di plastica e conveniente con cui lavorare..

Tecnologia di allineamento delle pareti in cartongesso

  • Innanzitutto, si consiglia di pulire la superficie della parete da vecchi rivestimenti che potrebbero interferire con il fissaggio del telaio. Per la maggior parte, questo vale solo per le piastrelle, poiché né la carta da parati né la pittura interferiranno con l’installazione..
  • Inoltre, se necessario, viene applicato un antisettico per prevenire la muffa..
  • L’installazione del telaio dovrebbe iniziare con la marcatura e il fissaggio dei profili orizzontali al soffitto e al pavimento. In questo caso, è conveniente utilizzare una livella laser. Se non è presente, il profilo viene semplicemente applicato al muro e livellato al livello normale. Per affidabilità, inoltre, la distanza tra i profili può essere verificata con un filo a piombo. Quindi le guide verticali sono fissate agli angoli, formando così una struttura rettangolare del telaio futuro.
  • Ora è il turno delle doghe verticali, a cui verranno attaccati i fogli di cartongesso. Con una distanza di 600 mm, vengono inseriti nei binari e fissati al muro con viti autofilettanti. Questa distanza non è stata scelta a caso, poiché la larghezza del cartongesso è di 1200 mm, ciò consentirà di fissare il foglio lungo i bordi e al centro.

  • Il peso dei fogli è piuttosto elevato, quindi, per un ulteriore rafforzamento delle doghe verticali, si consiglia di utilizzare speciali piastre perforate. Sono a forma di U, che preme il profilo contro il muro..
  • Se l’altezza del soffitto è superiore alla lunghezza del muro a secco, sarà necessario creare un inserto aggiuntivo. Per fissare il suo bordo inferiore alla parete, viene avvitata una sezione aggiuntiva del profilo.
  • È necessario fissare il cartongesso su speciali viti autofilettanti da 35 mm. Li attorcigliano su tutto il perimetro del foglio e al centro con un passo di 15-20 cm. È importante che i cappucci non scendano in profondità e non sporgano verso l’esterno, ma siano solo leggermente incassati.
  • Il muro a secco è facile da tagliare, per questo è necessario tracciare una linea profonda lungo il lato anteriore con un semplice coltello da ufficio. Quindi rompere delicatamente il foglio e fare il taglio finale sull’altro lato. In questo caso, ovviamente, ci sarà molta polvere di gesso..

Ci vorranno due persone per montare il cartongesso, ma spesso gli artigiani lo fanno da soli.

Stucco di finitura per cartongesso

  • L’intensità del lavoro dipenderà da quanto bene sono stati montati i fogli di cartongesso. Pertanto, prima del lavoro, è necessario verificare attentamente l’avvitamento di tutte le viti e, se necessario, correggerle o sostituirle. In presenza di grandi ammaccature o scheggiature, questo posto viene accuratamente ritagliato, innescato e sigillato con alabastro.
  • Quando tutto è pronto, le pareti sono innescate. Questo dovrebbe essere fatto non solo sulle cuciture e sulle viti, ma su tutta l’area. La composizione è liquida, quindi è facile da applicare con un rullo e si asciuga rapidamente.

Consiglio: non fermare la tua scelta sul prodotto più economico, di norma ha una consistenza troppo liquida e non svolge appieno le sue funzioni.

  • Per lavorare con lo stucco, avrai bisogno di una spatola semplice e angolata, stucco, nastro di rinforzo (preferibilmente autoadesivo), una grattugia con carta vetrata a grana fine.

Consiglio: i principianti in gesso non hanno bisogno di risparmiare sulla composizione, poiché gli analoghi economici sono meno plastici e si fissano più velocemente, il che lascia poco tempo per il livellamento.

Fasi di applicazione

  • Innanzitutto, tutti i giunti di fogli e viti sono stuccati. Il lavoro viene eseguito dall’alto verso il basso, riempiendo il più possibile le irregolarità con la miscela. Di conseguenza, dovrebbe formarsi una striscia stretta, ma uniforme, sulla quale viene applicata una striscia di rinforzo, che affonda leggermente nella composizione. Se non c’è un nastro speciale a portata di mano, puoi usare una garza tagliata o una benda spessa. Tutto questo deve essere fatto rapidamente, mentre lo stucco è morbido. Si lascia asciugare tutto per un giorno.

  • Trascorso questo periodo, si esegue una spatola con una leggera pressione lungo le cuciture per rimuovere piccole nervosità o particelle aderenti, controllando la levigatezza della superficie.
  • Sopra viene applicato un secondo strato di mastice, che dovrebbe essere leggermente più largo del primo. Questo viene fatto per appianare i confini. Deve essere assolutamente piatto e privo di asperità. Viene nuovamente assegnato un giorno per asciugare la composizione. In definitiva, richiederà anche il livellamento dei tubercoli con una spatola. Puoi usare una torcia per vedere meglio il muro..
  • Infine, inizia la fase di finitura dello stucco a grana fine. Viene applicato fino a quando la superficie non è completamente livellata, ma l’importante è non esagerare e non sovraccaricare il foglio di cartongesso con la miscela.
  • Alla fine, l’intera superficie viene levigata con una grattugia speciale, sulla quale vengono venduti ugelli in rete metallica. A causa dell’elevata igroscopicità del mastice di gesso, si consiglia di applicare sopra un composto di lattice o una miscela di primer..

Separatamente, va detto dello stucco degli angoli esterni ed interni del muro a secco.

  • Per questo, vengono venduti angoli speciali di alluminio sottile perforato o plastica, che hanno nastro autoadesivo lungo l’intera lunghezza su entrambi i lati..

  • Innanzitutto, l’angolo viene applicato al muro e la sua larghezza è contrassegnata con una matita. Secondo il segno fatto con un coltello clericale, i tagli sono fatti in modo ordinato e viene rimosso uno strato di cartone. Questo è fatto in modo che l’angolo non sporga sulla superficie..
  • Successivamente, viene applicato uno strato di mastice sufficiente per approfondire l’angolo e fissarlo. L’eccesso viene rimosso con una spatola e lasciato asciugare completamente..
  • Dopo un giorno, rimuovi tutte le irregolarità e stucca sopra con un nuovo strato. Una speciale spatola angolata è la più adatta per questi scopi. Devono essere eseguiti esattamente contro il muro e con una pressione sufficiente in modo che lo strato risulti sottile e i suoi bordi siano facili da allineare..
  • Gli angoli esterni sono realizzati allo stesso modo, è necessaria solo una spatola diversa..

Livellamento pareti con intonaco

Un altro modo per livellare le pareti per dipingere in un appartamento o in una casa è usare lo stucco. È buono perché non richiede strumenti costosi che non possono essere in casa. Inoltre, l’esecuzione può essere gestita anche senza previa preparazione. Sebbene questo processo sia laborioso e piuttosto “sporco”, ma il lavoro viene svolto rapidamente.

Suggerimento: anche se viene utilizzato un intonaco di finitura più costoso per livellare le pareti, è necessario sapere che questo non è un materiale di finitura. Successivamente, sarà necessario realizzare un rivestimento murale decorativo.

  • Molto spesso, il livellamento delle pareti con intonaco di gesso viene eseguito quando le irregolarità sono minori o per sigillare crepe. In questo caso, non ci vorranno più di 2 giorni per asciugare..
  • Se la piastrella perdonerà piccoli difetti nell’allineamento delle pareti, che possono essere corretti con la colla per piastrelle, la carta da parati o la pittura richiedono una base perfettamente allineata. Né un motivo eterogeneo, né una trama pronunciata nasconderanno depressioni o rigonfiamenti.

Composti livellanti per pareti

Quando è arrivata la determinazione, quale metodo verrà utilizzato per livellare le pareti, è il turno della scelta dei materiali da costruzione. Il mercato moderno offre una vasta gamma di miscele, ognuna delle quali ha sfumature in uso. Quindi, se le pareti hanno un piccolo nervosismo e sarà sufficiente uno strato livellante di intonaco da 0,4 mm, allora puoi tranquillamente acquistare intonaco di gesso. È adatto anche per coprire le cuciture del muro a secco..

Suggerimento: sarà più facile per un principiante lavorare con l’intonaco di gesso. Ciò è dovuto al fatto che è più plastica e richiede più tempo per l’impostazione. Ma dobbiamo ricordare che non può essere utilizzato in ambienti con elevata umidità..

  • Stucco universale. È meglio acquistare una miscela già pronta che secca. Come suggerisce il nome, ha una vasta gamma di usi. Viene spesso scelto per preparare pareti per carta da parati o dipingere negli appartamenti..
  • Stucco di finitura. Come accennato in precedenza, è adatto solo come strato sottile (fino a 0,5 mm) nella preparazione finale della superficie delle pareti o del soffitto. Si adatta bene sia su gesso che su superfici in calcestruzzo, con il loro primer preliminare. Di solito è venduto come una miscela pronta in secchi. Al momento dell’acquisto, è necessario prestare attenzione alla struttura della miscela, non dovrebbe contenere cereali.

  • Stucco iniziale. Contiene non solo gesso, ma anche calce. È assolutamente sicuro per la salute e ha una pronunciata granularità della massa. In considerazione di ciò, viene utilizzato solo per la sigillatura iniziale delle irregolarità più significative. Ma in ogni caso, il suo strato non deve superare 1,7 cm.

Consiglio: si consiglia di scegliere un primer di un produttore simile. Ciò garantisce un’adesione affidabile delle formulazioni..

  • colla mastice. Vale la pena fermare la tua scelta su di esso se la pittura murale viene scelta come finitura. Poiché è composto da colla, gesso e olio essiccante, dopo l’essiccazione, le vernici a olio o a base d’acqua si adattano perfettamente su di esso. Adatto solo per appianare il nervosismo minore.
  • Stucco per facciate. Nonostante il nome, è adatto anche per lavori interni, quando è necessario livellare murature in mattoni o cemento. Si distingue per una buona plasticità e resistenza alle temperature estreme, grazie alla quale non si spezza. La superficie dovrà essere innescata prima dell’applicazione, ma ci sono formulazioni in cui il primer è già presente, il che consente di risparmiare tempo e fatica. Si applica in più strati, ognuno dei quali, dopo completa asciugatura, viene prelevigato.
  • mastice di lattice. Viene utilizzato per rifinire le pareti, portandole alla perfetta uniformità. È completamente innocuo, facile da applicare, creando una barriera al vapore. Questa è un’ottima opzione se devi livellare le pareti per la verniciatura, in quanto ti consente di risparmiare sui suoi consumi.

Dopo aver letto queste informazioni, sarà più facile scegliere con quale soluzione livellare le pareti..

Come livellare le pareti con l’intonaco

Per questa tecnologia saranno necessari beacon a forma di T, che facilitano notevolmente il compito, rendendo così possibile la sua implementazione anche per un principiante..

Inoltre, avrai bisogno di:

  • livello;
  • Maestro OK;
  • se la miscela viene acquistata secca, sarà necessario preparare un mixer e un contenitore di miscelazione;
  • rullo di primer;
  • Spatola;
  • rete di rinforzo per stucco;
  • regola. Qui ci soffermeremo più in dettaglio. Per i tratti stretti va adottata una regola breve, non più larga di 1 metro. E per l’area principale, è meglio sceglierne uno di due metri. Più lunga è la regola, meno ci vorrà per riempire i beacon, ma peggiore sarà la qualità dell’allineamento;
  • stucco;
  • primer;
  • Malta.

Fasi di lavoro

  • A differenza del livellamento delle pareti con cartongesso, il vecchio rivestimento deve essere accuratamente rimosso prima di livellare le pareti con stucco. Carta da parati pulita, vecchie pitture e intonaci. Idealmente, dovrebbe rimanere una superficie di cemento pulita. Ma questo non può essere sempre ottenuto, quindi si consiglia di toccare i muri per difetti nascosti.
  • Durante un esame generale del muro in preparazione, è necessario prima stuccare tutte le irregolarità più profonde e rimuovere i rigonfiamenti con uno scalpello. Puoi identificarli usando i fili a piombo. Di conseguenza, la differenza di altezza non deve superare 1,5 cm.
  • Quindi la superficie viene pulita da particelle di grandi dimensioni e innescata. Il primer non solo aumenta l’adesione dello stucco, ma riduce anche l’assorbimento di acqua da esso e previene la comparsa di muffe.

Consiglio: se in futuro verrà fissato al muro da livellare un materiale di rivestimento pesante, come pietra o piastrelle, si consiglia di utilizzare una rete di rinforzo. Il suo utilizzo è rilevante anche per irregolarità gravi, quando lo strato della miscela supera i 10 mm..

  • L’installazione di beacon influisce sul risultato del lavoro finito. Pertanto, è meglio abbandonare i beacon da mezzi improvvisati e acquistare profili speciali. Ciò è dovuto non solo al fatto che non sarà possibile ottenere l’uniformità desiderata, ma c’è anche il pericolo che in futuro la composizione si stacchi da loro..
  • Tutte le pareti sono contrassegnate per i beacon futuri, per questo è meglio usare un livello laser. Quando lo imposti, il livello è segnato lungo l’intero perimetro della stanza. I profili sono montati verticalmente a una distanza di 10-15 cm più corta della lunghezza della regola.
  • Nella prima fase, lo stucco viene applicato grossolanamente, riempiendo lo spazio tra i fari, non raggiungendo il loro piano di pochi mm. Lasciare asciugare completamente.
  • La seconda fase della finitura, la miscela di stucco deve essere presa molto. Di norma, conducono dal basso verso l’alto, premendolo saldamente sui fari, pulendo così i resti del mastice e lasciando una superficie assolutamente piana. È importante eseguire la regola in una sola volta, senza staccarsi dal muro fino al soffitto stesso. Altrimenti, apparirà un’irregolarità che non può essere corretta e dovrai ricominciare tutto da capo..
  • Se è prevista la tappezzeria o la pittura, i fari devono essere rimossi dalla miscela essiccata, le grondaie risultanti devono essere riempite con malta e livellate. Durante la piastrellatura, i beacon possono essere omessi.
  • Allineare gli angoli è uno dei passaggi importanti. Se visivamente la loro irregolarità potrebbe non essere sorprendente, ma quando si installa una struttura angolare, questo diventerà immediatamente evidente. Per fare ciò, nelle fasi del mastice murale, gli angoli devono essere passati con una speciale spatola angolare. Ma è meglio spostarsi dall’alto verso il basso.

  • Dietro i radiatori, le pareti possono essere livellate senza fari e regole, solo con una spatola larga. Ma non puoi fare a meno di chiamare uno specialista per scollegare e rimuovere le batterie per il periodo di funzionamento..

Come allineare le pareti con un video rotband

Come allineare le pareti in una casa in legno

È consuetudine non nascondere le pareti in legno dietro il rivestimento, poiché esse stesse hanno un alto effetto decorativo. Ma una tale necessità sorge spesso, ad esempio, nel bagno di una casa in legno o quando l’edificio è vecchio e richiede riparazioni estetiche.

  • Potrebbero esserci diverse opzioni, ma molto spesso i proprietari preferiscono l’assemblaggio del telaio, che, in futuro, può essere rivestito con qualsiasi foglio, piatto o tutti gli stessi assi di legno.
  • Ma puoi livellarli con stucco. Qui è necessario tenere conto del momento in cui le pareti in legno sono soggette a deformazioni stagionali, possono restringersi o “camminare” durante la stagione. La preparazione consisterà nella pulizia accurata delle pareti in legno da viti autofilettanti, rivestimenti e crepe, che devono essere sigillate con schiuma poliuretanica. Quindi viene applicata una composizione speciale contro la decomposizione e lasciata asciugare completamente..
  • In questo caso, come fari sono adatte solo le doghe di legno strette, che sono fissate a chiodi o viti autofilettanti. In futuro, la tecnologia è simile.

Come allineare le pareti del bagno

  • Se hai bisogno di allineare le pareti del bagno o della toilette, qui tutto è molto più semplice. Molto spesso, non sono necessarie misure aggiuntive, è sufficiente portare le piastrelle al livello desiderato con la colla. Ma se le pareti sono molto irregolari, questo metodo non salverà.
  • Dovrai dotare il telaio del rack e rivestire le pareti con cartongesso resistente all’umidità. Se in futuro si prevede di incollare carta da parati o applicare intonaco decorativo, il muro a secco è stucco e viene applicato un primer per aumentare l’adesione.
  • Nel caso in cui il bagno sia piastrellato con piastrelle di ceramica, è possibile non stuccare le fughe, ma è indispensabile applicare un contatto concreto all’intera area dei fogli GVL. Questo è uno speciale primer spesso con sabbia nella composizione che, una volta essiccato, rende la superficie ruvida. Ciò garantisce un fissaggio affidabile della piastrella al muro a secco..
  • Se vuoi risparmiare, puoi ricorrere a un altro metodo. Per fare ciò, una smerigliatrice con una mola applica in modo casuale depressioni, violando così l’integrità della superficie, rendendola meno liscia. Ma va notato gli svantaggi di un trucco così professionale: violazione del rivestimento resistente all’umidità delle piastre e molta polvere di gesso, che richiederà un respiratore, una maschera e una tuta protettiva per il lavoro..