Grindys

Impermeabilizzazione del tetto fai-da-te

L’impermeabilizzazione del tetto è una delle fasi obbligatorie della sua disposizione. Trattare il tetto in modo che non perda dopo la prima lunga doccia è un compito estremamente importante. Chi vuole tornare al tetto in un mese o due, sei mesi o un anno per fermare la perdita? Pertanto, facciamo tutto in una volta, premurosamente, utilizzando materiali moderni di alta qualità..

Prima di soffermarsi sui diversi tipi di impermeabilizzazione del tetto e considerare la tecnologia di impermeabilizzazione del tetto, stabiliamo che tipo di tetti ci sono. Dopotutto, le soluzioni di impermeabilizzazione variano a seconda che tu stia costruendo un tetto piano o inclinato. L’impermeabilizzazione del tetto piano e l’impermeabilizzazione del tetto a falde si differenziano sia per i materiali che per la modalità di posa.

La sicurezza dell’isolamento e le caratteristiche operative dell’intero tetto dipendono dall’alta qualità dell’impermeabilizzazione del tetto con le proprie mani o eseguita da tecnici specializzati. Allo stesso tempo, ricorda che l’umidità può provenire sia dall’esterno che sotto forma di vapore che si accumula nello spazio sottotetto..

Materiali impermeabilizzanti per tetti

Si dividono in tipologie in base alla composizione e al metodo di applicazione:

  • film impermeabilizzante forato (idrobarriera), film anticondensa;
  • film polimerici – membrane (membrane in PVC, membrane EPDM, spike, membrane a superdiffusione);
  • gomma idrofila;
  • impermeabilizzazione di rivestimenti (acrilici, bituminosi, siliconici, gomma, mastici poliuretanici, materiali mono e bicomponenti);
  • materiali impermeabilizzanti spruzzati (poliurea, composti acrilati bicomponenti, gomma liquida);
  • materiali da iniezione (poliuretano, acrilato, resine silicatiche, cementi, emulsioni);
  • materiali penetranti (materiali semi- e penetranti).

Membrane polimeriche

Una delle ultime tecnologie sul mercato per i moderni materiali impermeabilizzanti. Assegnare membrane in PVC, membrane PDM e membrane diffuse.

Questi ultimi sono dei seguenti tipi:

  • diffuso con microperforazione;
  • superdiffuso;
  • anticondensa.

Le membrane diffuse con microperforazione e superdiffuse sono adatte a tutti i tipi di copertura. Per una membrana con microperforazione, è importante durante l’installazione lasciare uno spazio tra il materiale per l’impermeabilizzazione del tetto e l’isolante termico; per una membrana a superdiffusione, tale spazio non è necessario. Le membrane a superdiffusione sono più adatte per mansarde, le membrane anticondensa, in cui il materiale non tessuto assorbe tutta la condensa, è l’opzione migliore per le coperture metalliche.

La durata delle membrane è fino a 25 anni. Sono resistenti, hanno il fuoco e la sicurezza ambientale.

Le membrane in PVC sono anche multifunzionali. È un buon materiale sia per costruire un nuovo tetto che per ripararne uno vecchio. L’impermeabilizzazione del tetto, il cui costo dei materiali è impressionante, con tali membrane si trasformerà in un vero piacere. Poiché questo viene fatto una volta ogni 25 anni, è importante trovare buoni specialisti. Useranno la saldatura per creare un rivestimento impermeabile durevole. Tale film è costituito da 3 componenti: uno strato di PVC di un certo colore, uno strato di poliestere rinforzato e un altro strato di PVC grigio.

Le membrane sono vendute in rotoli stretti. Fissato con metodi meccanici, zavorra o incollato. Metodo di zavorra – per tetti con un angolo di inclinazione fino al 10%. La membrana viene posata sul tetto, fissata lungo il perimetro della tela, ricoperta di ghiaia o pietrisco. Molto spesso, il metodo viene utilizzato nella costruzione di un tetto rovescio. Se è impossibile creare ulteriore pressione sul tetto, vengono utilizzati elementi di fissaggio meccanici: chiodi, viti, graffette. Se i tetti hanno una configurazione complessa, la membrana è incollata.

Le membrane PDM non sono solo multifunzionali (adatte a tutte le coperture): sono adatte alle coperture più curve e curve, con qualsiasi angolo di inclinazione. I fogli di membrana sono impilati uno a uno e il nastro autoadesivo è fornito alle giunture.

Se una tale membrana viene utilizzata per installare l’impermeabilizzazione di un tetto piano, sopra viene versato uno strato di materiali sfusi. Sui tetti inclinati, i pannelli sono fissati o incollati. Tale materiale non ha paura del gelo o del sole: durerà dai 25 ai 50 anni. Grazie alla loro elasticità, le membrane PDM possono essere allungate del 250-300% e assumere la forma della superficie da rivestire. Le estremità taglienti del tetto e le sostanze chimiche sotto forma di combustibili e lubrificanti (combustibili e lubrificanti) e oli per la membrana sono dannose. Deve anche essere ulteriormente trattato con un rivestimento acrilico e aggiornato di volta in volta..

Nella foto – impermeabilizzazione del tetto mediante membrane:

Come farlo correttamente con l’impermeabilizzazione a membrana del tetto – video.

Impermeabilizzazione del rivestimento

Questo è principalmente bitume e materiali che lo contengono. Viene creato un rivestimento sulla superficie da 5 mm a diversi centimetri. Nel tempo, il bitume perde la sua plasticità e può essere distrutto sotto stress meccanico. Vita utile – circa 5 anni.

I mastici bitume-polimero sono una nuova generazione di rivestimenti impermeabilizzanti del tetto. Prezzo per lavoro su un’area di 1 mq. oscilla tra $ 30 e $ 100.

mastice

Il mastice viene applicato su tetti piani o con un angolo di inclinazione minimo. In termini di composizione, i materiali mastice sono bitume-polimero, polimero, bitume-gomma. In base al metodo di applicazione, si dividono in mastici caldi (quelli che devono essere preriscaldati a 160 ° C) e freddi (non hanno bisogno di essere riscaldati a una temperatura di + 5 ° C e devono essere riscaldati a + 70 ° C se la temperatura è inferiore a + 5 ° C ).

I mastici aderiscono perfettamente alla base, sia essa cemento, legno, metallo. Quando si induriscono, formano un rivestimento continuo e senza cuciture simile alla gomma che ha una durata di almeno 20 anni. Questo tipo di impermeabilizzazione è anche chiamato tetto autolivellante e la tecnologia della sua applicazione ricorda la creazione di pavimenti autolivellanti..

Impermeabilizzazione pittura

Questa è l’applicazione di vernici bituminose e polimeriche, vernici, emulsioni al rivestimento. L’impermeabilizzazione verniciabile può essere applicata a mano oa spruzzo. Fallo in 2-4 strati per una maggiore forza. Lo spessore dello strato impermeabilizzante è di soli 3-6 mm. Cospargere di sabbia a grana fine sull’isolante appena applicato per rafforzare il rivestimento. La durata di servizio promessa è di 5 anni. Quando si scelgono i materiali per il tetto, si dovrebbe dare la preferenza alle composizioni plastificate di bitume polimero..

I prezzi per i lavori di impermeabilizzazione del tetto sono molte volte superiori a quelli per il rivestimento. In media, questo è da $ 100 per 1 mq. m.

Impermeabilizzazione avvolgente

Questo metodo è uno dei più antichi. Prevede l’uso di materiali in fogli e rotoli: materiale di copertura, glassine, feltro per tetti, fibra di vetro, isola, idroisol, brizol. Quelli più recenti sono plastica vinilica, polietilene, cloruro di polivinile, isoplast, mostoplast, isoelast, ecoflex.

In questo caso la superficie deve essere asciutta e molto uniforme: sono ammessi dislivelli fino a 2 mm. Dopo aver livellato e pulito la superficie, viene coperta con uno strato di primer di emulsione bituminosa, quindi il materiale viene incollato. I fogli vengono posati con una sovrapposizione di 10-15 cm, tale impermeabilizzazione è sensibile ai danni meccanici e difficile da installare. Alla fine del lavoro, deve essere cosparso di scaglie di pietra. Allo stesso tempo, la temperatura per il montaggio del materiale deve essere almeno +10 … 15 ° С. Ma lavorare su questo tipo di impermeabilizzazione costa circa $ 10 per 1 mq. m.

Impermeabilizzazione penetrante

Questo tipo di impermeabilizzazione viene applicato su superfici precedentemente pulite con una struttura porosa. Questi includono: cemento, blocchi di calcare, mattoni. L’impregnazione riempie tutti i pori e le fessure, penetra più in profondità e, indurendosi, tale isolamento non solo impedisce la penetrazione dell’umidità, ma rafforza anche l’intera struttura. Vetro liquido, polimeri liquidi, resine sintetiche e bitume fuso vengono utilizzati come impermeabilizzanti impregnanti. Gli spruzzatori sono usati per applicare le composizioni. La base stessa deve essere accuratamente pulita e sgrassata in modo che la composizione possa penetrare nei pori e formare lì cristalli. Dopo tale trattamento, l’acqua attraverso il cemento e il calcestruzzo non perde..

Film impermeabilizzante

Questo è il metodo di impermeabilizzazione più semplice ed economico, utilizzato per i tetti a falde: per ardesia, scandole, piastrelle metalliche. Viene utilizzato per isolare solai o solai con lana minerale e polistirene espanso.

L’impermeabilizzazione su tetto a falde si installa partendo dalla gronda verso il colmo.

Se l’angolo di inclinazione del tetto è di 30 gradi, viene realizzata una sovrapposizione tra il film impermeabilizzante di 150-200 mm, se l’angolo è compreso tra 15 e 30 gradi, la sovrapposizione dovrebbe essere di circa 250 mm. In questo caso, il materiale non dovrebbe essere allungato: dovrebbe abbassarsi tra le travi di 15-20 mm.

Ci siamo fermati ai gruppi più comuni di materiali impermeabilizzanti. Ora diamo un’occhiata a quando quale è meglio applicare..

Come impermeabilizzare un tetto?

Quando si impermeabilizza il tetto, che sarà isolato con polistirene espanso, in alcuni casi viene utilizzato un film impermeabilizzante e in alcuni – niente. Il polistirene espanso da solo, con sufficiente isolamento dei giunti, può fungere da buona impermeabilizzazione.

Se è necessario isolare e proteggere un tetto piano dall’umidità o farne un’inversione, è possibile utilizzare diversi tipi di membrane in combinazione con un riscaldatore. Un’opzione ancora più semplice per un tetto piano è l’isolamento sfuso sotto forma degli stessi mastici. Allo stesso tempo, l’uso dei mastici è rilevante sia sui nuovi tetti che per la sigillatura dei giunti. Anche la gomma liquida su un tetto piano è un’ottima opzione..

Se, tuttavia, si opta per i materiali in rotolo e si effettuerà la loro installazione, prestare attenzione al materiale di copertura e ai nuovi articoli: euroruberoid e rubemast. Se si prevede di attrezzare una mansarda in soffitta, è possibile utilizzare una membrana di superdiffusione in combinazione con una barriera al vapore e un isolamento. Ottima opzione, ma non economica. Per i tetti con una configurazione complessa, sono le membrane l’opzione più accettabile..

Gli esperti affermano che con una corretta installazione dell’ardesia non è necessaria alcuna impermeabilizzazione. Il materiale di copertura un tempo veniva posato sotto l’ardesia, ora è un’idrobarriera o un film impermeabilizzante forato. Lo stesso materiale viene utilizzato per le piastrelle metalliche..

Questo film è attaccato alle travi del tetto a falde o ai travetti del pavimento. Gli elementi di fissaggio dell’edificio vengono utilizzati per collegare gli elementi dell’edificio. Graffette o chiodi in acciaio inossidabile vengono utilizzati come strumenti di fissaggio, un tornio ausiliario è montato dalle rotaie. Per i solai non isolati, un tale film in combinazione con l’isolamento è l’opzione più economica, fornendo una buona combinazione di prezzo e qualità..

Per i tetti con aggraffatura, tegole metalliche e altri tipi di coperture metalliche si consiglia una pellicola anticondensa. Per la posa del film anticondensa è necessaria sia la fessura di ventilazione superiore che inferiore. Pertanto, viene creata una cassa aggiuntiva..

Nessuno spazio sul fondo richiesto per l’uso del diaframma.

Per quanto riguarda l’ardesia europea e le coperture aggraffate, poiché hanno un’ottima conduttività termica, questo tipo di impermeabilizzazione con le proprie mani, come una membrana di diffusione, non viene utilizzata..

Per i tetti aggraffati sono disponibili membrane di separazione volumetriche. Ma per lo scisto, vengono utilizzate membrane e forniscono una fessura di ventilazione.

Quando si utilizza un film anticondensa, dovrebbero esserci due di questi spazi.

Ci sono molte sfumature quando si sceglie l’impermeabilizzazione per un tetto. Ma prima di tutto è:

  • forma del tetto (piana, inclinata, configurazione complessa);
  • scopo (operato o meno);
  • tipo di materiali di copertura (ardesia, tegole, cemento, tegole metalliche, euro-ardesia, piegata, ardesia e altri tipi di coperture);
  • tipo di isolamento.

Gli artigiani esperti hanno già le loro ricette collaudate per combinare la migliore impermeabilizzazione per una particolare “torta del tetto”. Dopo aver studiato i nostri suggerimenti, puoi scegliere autonomamente un’opzione di impermeabilizzazione accettabile per la tua casa..