Finestra

Come isolare le finestre con le tue mani

Probabilmente, non è un segreto per nessuno che durante il funzionamento delle finestre in legno il legno si asciughi, a causa delle quali compaiono crepe e crepe nei telai, gli spazi tra il vetro e i fermavetri che lo trattengono si allargano e la tenuta del le alette al telaio diminuisce. Questo si sente particolarmente bene con l’inizio del freddo, quando il vento lugubre fischia attraverso le fessure della finestra. In linea di principio, ci sono situazioni in cui puoi sopportarlo e nemmeno accorgertene. Quando la casa è “annegata” così tanto da dover aprire la porta di un balcone non vetrato in modo che non faccia troppo caldo nella stanza, allora anche la presenza di crepe nei telai fa il gioco delle mani. Ma che dire di coloro che non sono così fortunati, la cui casa non è così “calda” riscaldata, o il cui risparmio energetico gioca un ruolo importante? Nell’ambito di questo articolo, ti diremo alcuni dei modi più comuni su come isolare correttamente le finestre in modo che la parte del leone del calore non esca da esse..

Contenuto:

Per cominciare, un consiglio che non riguarda direttamente le finestre, ma gioca un ruolo importante nella corretta distribuzione del calore nella stanza. In tutte le case, i radiatori per il riscaldamento si trovano sotto le finestre. Se chiudi i radiatori con le tende, l’aria calda che sale da loro verrà espulsa in modo sicuro nelle fessure delle finestre, senza svolgere la sua funzione di riscaldamento della stanza. Pertanto, è importante lasciare aperti i radiatori..

Come isolare le vecchie finestre

Esistono innumerevoli modi per isolare le vecchie finestre in legno. Qui si inventano “chi è buono per cosa”, usando i mezzi più semplici disponibili. Tra questi ci sono misure temporanee, le cui ultime tracce vengono rimosse con l’inizio del calore stabile durante la pulizia ordinaria e la pulizia delle finestre. Ma ci sono anche metodi che possono garantire la tenuta delle finestre per diversi anni. Di seguito sono riportati solo i più popolari.

Isolamento delle finestre con giornali e strisce di carta

Un metodo collaudato molto antico. I nostri nonni, isolando le finestre con le proprie mani, usavano solo i mezzi più convenienti ed economici. Per sigillare le crepe, sono stati usati vecchi giornali, che sono stati immersi nell’acqua. La massa risultante ha riempito lo spazio tra il vetro e le perline di vetro e altre crepe. A volte i giornali venivano prima arrotolati in tubi, solo allora venivano inumiditi in acqua e spinti nelle fessure. Dall’alto, tutti i giunti di vetro con telai e porte con telaio di supporto sono stati incollati con strisce di carta. Per questo, il sapone da bucato è stato diluito fino a ottenere una consistenza liquida e la soluzione risultante è stata applicata a strisce di carta. Quindi sono stati rapidamente incollati in posizione..

Questo metodo è buono, ma in primavera tutta questa “bellezza” deve essere strappata. E qui puoi affrontare un problema del genere: la vernice si staccherà insieme alla carta. Inoltre, i resti di carta e giornali sono piuttosto difficili da lavare e rimuovere senza danneggiare il rivestimento delle cornici. Ecco perché c’era un altro modo.

Isolamento delle finestre con cotone idrofilo e strisce di tessuto

Isolamento delle finestre con cotone idrofilo sostituito giornali. Il cotone idrofilo tecnico viene spinto in tutte le fessure e dall’alto viene sigillato con strisce di tessuto, insaponate, come nel metodo precedente. Le bolle d’aria di cotone idrofilo fungono da isolante termico. Inoltre, può essere facilmente estratto. E le strisce di tessuto si staccano dai telai, senza lasciare segni o danneggiare la vernice.Nastro per finestre

Questo metodo esiste ancora oggi, non dovresti essere scettico al riguardo. È economico e svolge le sue funzioni con il botto. Il cotone idrofilo è un materiale insostituibile. Ma invece di strisce di tessuto, è possibile utilizzare nastri moderni per sigillare finestre, che sono un tipo di nastro di carta. Una volta rimossi, non lasciano tracce.

Isolamento delle finestre con gommapiuma e nastro adesivo

Gommapiuma per sigillare finestre

La gommapiuma è buona se il compito è isolare efficacemente le finestre, in cui ci sono grandi spazi vuoti nei vestiboli. In altre parole: le ante di apertura sono così asciutte che non si adattano perfettamente ai telai. Qui non te la caverai con solo cotone idrofilo. La gommapiuma è incollata lungo il perimetro delle ante, che garantisce la tenuta della chiusura della finestra. A proposito, prima, quando sul mercato non c’era gommapiuma con un lato adesivo, veniva inchiodata al telaio con piccoli chiodi. La gommapiuma può durare un paio d’anni, poi inizierà a collassare o deformarsi. Dall’alto, i telai sono sigillati con nastro adesivo, lo stesso del metodo precedente, ad es. carta. In primavera, il nastro adesivo dovrà essere rimosso, ma la gommapiuma può essere lasciata.

Sigillare le crepe nelle finestre con la paraffina

Un altro metodo, che riguarda solo la sigillatura di piccoli spazi nei telai. La paraffina viene sciolta, aspirata in una siringa e le fessure vengono riempite con essa. Se le fessure sono troppo grandi, è possibile utilizzare uno stendibiancheria o un altro cavo. Viene spinto nell’intercapedine e quindi incorporato nella paraffina. Come capisci, questo basterà per più di una stagione.

Isolamento delle finestre con tecnologia svedese

Un metodo molto popolare e pubblicizzato ultimamente. In realtà, questa tecnologia non è stata inventata dagli svedesi. Ha preso il nome “in onore” del materiale utilizzato in esso – EuroStrip, è stato davvero inventato in Svezia. E il metodo stesso si chiama “tecnologia di sigillatura delle scanalature delle finestre”.

La principale differenza tra la “tecnologia svedese” è che non è nemmeno un isolamento “per l’inverno”, ma una parziale ricostruzione delle finestre. Successivamente, le finestre possono essere aperte liberamente nella stagione fredda (non saranno sigillate) e l'”isolamento” durerà 15 – 20 anni.

Sigillatura delle fessure nelle finestre con sigillante

La sigillatura di piccoli spazi nei telai o tra il vetro e i fermavetri viene eseguita con un sigillante. Le finestre devono essere prima lavate e asciugate. E il processo di applicazione del sigillante stesso dovrebbe essere eseguito a una temperatura positiva da +5 ° C a +40 ° C.

L’ugello sulla cartuccia di sigillante deve essere tagliato con cura lungo la linea segnata, quindi messo su una pistola di costruzione speciale. Con esso, puoi facilmente applicare la composizione in luoghi difficili da raggiungere, distribuendola uniformemente. Se il sigillante cade accidentalmente sul telaio o sul davanzale della finestra, rimuoverlo con un panno imbevuto di benzina. È più comodo rimuovere il sigillante dal vetro dopo che si è asciugato, semplicemente staccandolo con un coltello.

Guarnizione tubolare per serramenti

Per sigillare i portici, viene utilizzata una speciale guarnizione per finestre in gomma siliconica con profilo tubolare. I produttori di questo sigillante assicurano che non ha paura di vernici, sbalzi di temperatura e sporco. Il diametro e la struttura dei tubi sono diversi, quindi è necessario selezionare la guarnizione individualmente per la dimensione delle fessure. La marcatura del sigillo è la seguente: “E” (profilo K) – per chiudere gli spazi 2 – 3, 5 mm; “P” – per spazi 3 – 5 mm; “D” – coprirà 3 – 7 mm. Per determinare la dimensione dello spazio tra il telaio, puoi spremere un pezzo di plastilina avvolto nel cellophane tra l’anta e il telaio.

Il lavoro di installazione del sigillo è in realtà un restauro parziale, che è meglio affidare a professionisti. Inoltre, se i telai non sono nelle migliori condizioni, la geometria della finestra è rotta, il legno è secco o parzialmente marcio, la riparazione può “volare in un bel soldo”. La tecnologia stessa è progettata per finestre che sono state attentamente curate e mantenute in buone condizioni. Altrimenti, l’isolamento tecnologico svedese può costare quanto le nuove finestre di plastica con finestre con doppi vetri..

Per cominciare, tutte le ante vengono rimosse dalle cerniere..

Delineamo il posto per la scanalatura nel telaio della finestra

Quindi viene selezionata una scanalatura lungo il perimetro del telaio con un cutter.

Ritagliare una scanalatura nel telaio della finestra con una fresa e arrotolare la guarnizione

Un sigillo viene arrotolato e incollato al suo interno in modo che non si muova o cada durante il funzionamento. Quindi le ante vengono appese alle cerniere. In questo caso, ripetiamo, se la finestra è vecchia, potrebbe essere necessario sostituire i raccordi o addirittura allineare la geometria della finestra..

Con il giusto atteggiamento, il sigillo può durare dai 10 ai 20 anni. E durante questo periodo, puoi risparmiare denaro per nuove finestre, puoi anche in legno, solo quelle moderne – con finestre con doppi vetri.

Isolamento delle finestre con pellicola a risparmio di calore

Incollare finestre con pellicole a risparmio di calore

Un’innovazione relativa è l’uso di pellicole a risparmio di calore. Lasciano entrare la luce nella stanza, ma non “rilasciano” radiazioni infrarosse da essa, trattenendo così il calore. Un film del genere ha due lati, uno – con una lucentezza metallica, conduce corrente, l’altro – no. Quando si incolla il film sul vetro, è imperativo assicurarsi che “guardi” la strada esattamente con il lato metallico: questo è il punto.

Dovrebbe essere incollato con una sovrapposizione sui telai, fissato con nastro adesivo. Se lo appiccichi con cura, la sua presenza non sarà nemmeno visibile.

La pellicola per il risparmio di calore può essere incollata anche su finestre di plastica.

Isolamento delle aperture delle finestre

Soffiamo le crepe tra il telaio e l'apertura della finestra con schiuma

Uno dei punti più importanti. Altrimenti, le finestre possono essere incollate e lo spazio nel pavimento della mano tra il telaio e la pendenza o il davanzale della finestra, come i costruttori amano lasciare con noi, potrebbe non essere nemmeno notato.

Il modo più comune per sigillare gli spazi tra il telaio e l’apertura della finestra è quello di soffiare schiuma di poliuretano. Ed efficiente, e un po’ di problemi. Solo dopo l’asciugatura sarà necessario tagliare l’eccesso e in qualche modo chiudere questa “bellezza”.

Per sigillare le crepe, puoi usare il tuo mastice. Devi prendere stucco e gesso e mescolarli 2: 1 aggiungendo acqua. Sigilla tutte le crepe con lo stucco. Il suo colore non risalta sullo sfondo della finestra come la schiuma di poliuretano..

Sostituzione della guarnizione nelle finestre di plastica

Tutti i metodi sopra descritti sono progettati per isolare le finestre in legno. È difficile da credere, ma dicono che a volte anche le finestre di plastica richiedono isolamento. Molto probabilmente, tale necessità sorge a causa del loro funzionamento errato o dell’installazione “incurante”. La causa potrebbe essere anche la scarsa qualità delle finestre stesse. In caso di guasto della guarnizione, è sufficiente sostituirla con una nuova. Se il problema è più grave, ad esempio un cambiamento nella geometria della finestra, cedimenti delle ante o scarso rendimento dei serramenti, è necessario contattare i professionisti e ripararli..

Video: come isolare le finestre