Costruzione di case

Realizziamo porte nella parete portante con le nostre mani. Sottigliezze di lavorare con un muro portante

Ripetutamente nella nostra vita ci imbattiamo in ristrutturazioni di appartamenti o case. E spesso questo processo è accompagnato dalla costruzione di nuovi ingressi. Ma cosa fare quando, dietro il tracciato, questo passaggio è nel muro portante? Questo compito non è affatto facile. Facendo un errore, la struttura della stanza nel suo insieme potrebbe risentirne. La situazione è complicata se una persona decide di fare tutto il lavoro con le proprie mani, ma in nessun caso dovresti disperare. Hai solo bisogno di prendere in considerazione alcune delle sottigliezze del lavoro con un muro portante..

Sommario:

Approvazione per la riqualificazione

Prima di iniziare il lavoro, è necessario ottenere il consenso delle autorità competenti. La loro risposta è influenzata dai seguenti fattori:

  • costruzione di alloggi (in modo che la stanza non sia completamente distrutta a causa dell’apertura);
  • deterioramento delle pareti (le pareti, come le persone, hanno le proprietà di invecchiare e perdere la loro precedente forza e durata);
  • tipo e spessore della parete;
  • posizionamento dell’apertura (non dovrebbe coincidere con la giunzione di pavimenti e pareti);
  • la dimensione dell’apertura in relazione all’area del muro;
  • lo spazio tra l’apertura e le pareti adiacenti;
  • lo spazio tra il bordo più alto dell’apertura e la sovrapposizione;
  • larghezza di apertura;
  • numero di piani sopra l’apertura.

Solo dopo aver ricevuto risposta positiva dalle autorità competenti, si procede al lavoro diretto.

Scelta degli strumenti

Il primo passo in qualsiasi lavoro di costruzione è preparare l’attrezzatura. I costruttori professionisti usano una fresa per cemento, uno strumento per lavorare con le pareti portanti con le proprie mani: funzioneranno anche un martello pneumatico e un perforatore. Inoltre, avrai bisogno di:

  • mazza;
  • attrezzature per la marcatura;
  • saldatura;
  • borchie o bulloni (a seconda del profilo);
  • noccioline;
  • rondelle;
  • canali;
  • Malta cementizia.

Lavoro preparatorio

1. Assicurarsi che non ci siano collegamenti elettrici dietro il muro o scollegarli.

2. Segna il contorno dell’apertura. A causa del fatto che le pareti portanti sono spesse, devono essere smontate da 2 lati.

3. Praticare fori passanti con una punta da 12 mm negli angoli del contorno. Ti aiuteranno a navigare mentre segni l’apertura sull’altro lato..

4. Tagliare i canali alla lunghezza richiesta.

Installazione del ponticello

Il ponticello è il componente più importante dell’intero processo. Il carico sulle pareti portanti sarà trasferito a questa parte, quindi la sicurezza di tutta la casa dipende dalla corretta installazione.

Per installare, prima di tutto abbattiamo l’intonaco ed eliminiamo una rientranza lungo la linea superiore dell’apertura, vi posizioneremo il canale. La lunghezza dell’incavo è: larghezza dell’apertura più un metro. Il profilo dovrebbe adattarsi perfettamente al luogo preparato per questo. Puliamo i resti di mattoni con una spazzola metallica e sciacquiamo con acqua.

Per serrare i dispositivi di fissaggio, eseguiamo fori nel profilo con un passo di circa 3 cm (non di più). Quando tutto è pronto, inumidiamo la superficie e applichiamo la malta cementizia, nella quale immergiamo il canale. Perforiamo il muro, concentrandoci sui fori preparati. D’altra parte, grazie alla fase di lavoro precedente, possiamo facilmente delineare e abbattere la stessa nicchia. Inserire il secondo profilo in esso (con fori praticati, come nel primo) e serrare entrambi i canali con prigionieri (bulloni), alle cui estremità mettiamo le rondelle e stringiamo i dadi. Riempiamo i vuoti nei profili con cemento o mattoni.

Un altro modo per impostare il ponticello:

Oltre al metodo di installazione del ponticello sopra descritto, ce n’è un secondo. Per questo, abbiamo bisogno di due travi con un profilo a forma di L. Questo design è chiamato architrave in calcestruzzo prefabbricato. Tali profili non devono essere serrati con prigionieri (bulloni). Dopo aver pulito le scanalature nei punti del supporto dell’architrave, mettiamo uno spesso strato di malta cementizia su entrambi i lati. Successivamente, procediamo con l’installazione di una trave in cemento armato. Quando la soluzione si asciuga, possiamo iniziare a tagliare l’apertura..

Taglio dell’apertura a seconda del materiale

Molte persone sono preoccupate per come fare un’apertura in un muro di mattoni. In effetti, di tutti i materiali, questo processo sarà il più semplice con il mattone. Rimuovendo una riga, tutto il resto andrà senza problemi. La situazione è completamente diversa con il cemento. Ci vorrà molto tempo ed è difficile lavorare con un puncher.

  • Buttiamo giù il muro di cemento:

Facciamo un’apertura nella parete portante in calcestruzzo, per facilitare il nostro lavoro, agiremo come segue:

1. Dividi l’area del muro in diversi quadratini.

2. Lungo i contorni applicati, tagliamo il cemento con una smerigliatrice o trapaniamo con un perforatore (questo richiederà più tempo).

3. Gli elementi separati del muro vengono eliminati semplicemente con una mazza, mentre in altri sarà necessario smontare il rinforzo.

Chi è più conveniente vedere come sfondare correttamente il video del muro portante è alla fine dell’articolo.

  • Lavori di finitura:

Dopo che l’apertura è pronta, è necessario rafforzarla ulteriormente. Saldiamo una solida striscia di acciaio, di circa 6 mm di spessore, tra i due canali. Un’altra opzione: saldiamo le piastre con un passo di 2 cm Su entrambi i lati dell’apertura installiamo angoli o, se assenti, anche i canali sono adatti, ma richiederanno nicchie. Li saldiamo alla traversa superiore dell’apertura. Inoltre, colleghiamo ogni coppia di angoli con piastre di acciaio e li stringiamo con borchie (per loro, su angoli o canali, è necessario praticare dei fori in anticipo). Se questo rafforzamento non ti sembra sufficiente, rendi la parete portante più resistente, installa l’architrave orizzontale inferiore, saldalo alle cremagliere.

La porta dalla finestra

Spesso ci sono casi in cui è prevista la realizzazione della porta al posto della finestra. Questa operazione non richiede molto sforzo..

Per realizzare una porta dalla finestra di un muro portante con le nostre mani, abbiamo bisogno di:

  • angoli in acciaio (necessari con un angolo di 90 gradi);
  • canali;
  • travi in ​​cemento armato;
  • potente perforatore;
  • governate;
  • Bulgaro;
  • mazza;
  • Levigatrice.

Il primo passo è rimuovere la finestra. Al suo posto potrebbero esserci resti di intonaco e vernice, li rimuoviamo con una smerigliatrice. Dopo aver eliminato la partizione inferiore, se è fatta di mattoni, la colpiamo semplicemente con una mazza, se è di cemento, quindi la tagliamo come con un’apertura normale. Se c’erano frammenti di metallo nella partizione, li eliminiamo con una smerigliatrice. Smontiamo in parti la partizione in cartongesso (nei primi casi eliminiamo le viti).

Ci liberiamo dei detriti e iniziamo a installare il ponticello. L’architrave viene installato utilizzando la stessa tecnologia di quando si crea una porta da zero..

Considerando che effettuiamo l’apertura nella parete portante, si consiglia di fissare le strutture sovrapposte utilizzando lunghi montanti verticali lungo tutta l’altezza dell’alloggiamento.

Arco nel muro portante

A volte, invece di una porta, i proprietari mettono un arco. Sembra molto più carino. Ma ci sono molte sfumature nel lavorare con un arco. Ad esempio, solo un professionista può farlo in una casa di mattoni, poiché è richiesta una relazione con la posizione delle cuciture in muratura. Con una casa a pannelli, le cose sono diverse. Questa opzione può essere eseguita in modo indipendente.

  • Facciamo un arco nel muro portante di una casa a pannelli:

Prima di tutto, ritagliamo un’apertura a forma di U, che rinforziamo con profili, in essa incideremo un arco. Il prossimo passo è misurare la porta.

Dopo aver misurato, si procede alla creazione della cornice:

1. Realizziamo una cornice su cui in futuro attaccheremo una striscia curva, per essa usiamo un profilo 27 per 28.

2. Selezioniamo le forbici per metallo, sarà più conveniente lavorare con quelle che hanno un meccanismo a molla (in questo tipo, le maniglie stesse si ripiegano dopo la compressione).

3. Tagliamo il profilo, 2 lati su tre, è necessario che assuma una forma ad arco (più ripida si prevede di piegare, più spesso si effettuano tagli).

4. Ruotare il profilo in senso orario da un lato, posizionandolo così all’interno della parte anteriore destra fissa dell’arco (il secondo dovrebbe essere dal lato opposto).

5. Facciamo tagli sulla parte superiore e centrale ogni 50 mm.

6. Il telaio è pronto, ma dovrebbe essere rinforzato. Installiamo traverse realizzate con un profilo 60 per 27, fissandole con viti autofilettanti corte.

7. Installare il telaio nell’apertura.

Successivamente, dobbiamo realizzare le parti anteriori dell’arco. Per fare ciò, puoi scegliere qualsiasi materiale, ma il muro a secco è l’opzione migliore nell’autoproduzione. Le parti anteriori sono a forma di semicerchio. Per ottenere la forma ideale, faremo una “bussola” con cose a portata di mano. Prendi il filo e fissalo al centro del semicerchio, misura il raggio (la larghezza dell’apertura divisa per due) e fissa l’altra estremità su una matita. Disegna, ritaglia e attacca alla cornice. Il nostro arco è pronto, possiamo intonacare o verniciarlo tranquillamente.

Collegamento di una stanza con balcone

Un balcone è sempre realizzato in una parete portante, questo è il problema principale. È molto difficile ottenere il permesso per collegarlo alla stanza. Inoltre, va tenuto presente che un balcone è un’area di insediamento in caso di incendio. È più facile rimuovere una persona da esso. Pertanto, prima di decidere su tale passo, considerare attentamente.

Se la decisione non è cambiata e hai ricevuto l’autorizzazione, inizia il seguente lavoro. Il primo passo è quello di glassare il balcone. Successivamente, smontiamo il muro, ma poiché è un vettore, dobbiamo installare un ponticello che assumerà l’intero carico. Inoltre, durante i lavori, sarà necessario alzare il pavimento sul balcone. L’ultimo passo sarà isolare il balcone..

Va aggiunto che questo processo è molto laborioso e per sicurezza è meglio consultare un professionista.

Chiudendo il vecchio portone

Molto spesso, dopo aver creato un nuovo ingresso, la necessità del precedente scompare e deve essere riparato. Nel caso di una partizione interna è possibile posare una lastra in cartongesso, quindi con una esterna, oltre al segnalibro maiuscolo, non ci sono altre opzioni. Per l’incorporamento utilizziamo materiali come mattoni o blocchi di schiuma.

Per prima cosa, prepariamo il buco. Rimuoviamo l’intonaco (e se presente, quindi la vernice) fino alla base. Facciamo questo processo lungo l’intero muro, e non solo nei punti in pendenza. Nell’apertura in mattoni, realizziamo gli incavi che saranno necessari per l’incollaggio con muratura fresca. Rimuovi metà del mattone in ogni quarta fila. Eseguiamo fori unilaterali alle estremità del muro di cemento e inseriamo barre di metallo in essi, spesse 7-9 mm. Un prerequisito è che i fori si trovino in punti tra le file della futura muratura. Copriamo la soglia dell’apertura con impermeabilizzazione, servirà come materiale di copertura.

Prima di posare ogni fila di mattoni successiva, è necessario tirare il filo in posizione orizzontale tra due pareti opposte dell’apertura. Ciò è necessario per evitare errori di muratura. Per essere completamente sicuri, vale anche il livello dell’edificio. Lavoriamo a maglia le aste che guardano tra le file con rinforzo (in cambio, è adatta una rete in muratura).

Dopo aver posato l’apertura con i mattoni, aspettiamo un giorno e iniziamo a intonacare. Le aree che sono state liberate dall’intonaco e la muratura stessa sono innescate. Attacciamo una rete d’acciaio al primer (per una maggiore resistenza) e intonachiamo di nuovo. La quantità di intonaco da applicare dipende dalle irregolarità delle pareti.

Le aperture nella parte interna sono molto più facili da sigillare. Innanzitutto, installiamo la cassa (usa un profilo) su un lato del vecchio passaggio. Dopo aver intonacato il primo lato, puoi procedere all’installazione del tornio sul lato opposto. Posiamo un isolante acustico (prerequisito) e lo rivestiamo con pannelli. Il lavoro di finitura sarà definitivo.

Realizzare una nuova porta in un muro portante è complicato, ma guardare la tua stanza rinnovata ti dirà che ne è valsa la pena. Questo processo è possibile anche con le tue mani, senza l’aiuto di professionisti. La cosa principale è seguire tutti i consigli per lavorare con le strutture di supporto e non avrai problemi. E ricorda sempre, la sicurezza viene prima di tutto in questa materia..