Complotto

Concimi per fiori: tipologie e caratteristiche

I fertilizzanti sono solitamente chiamati sostanze che, una volta introdotte nel terreno, aiutano a migliorarne le proprietà. Inoltre, gli elementi contenuti nella composizione hanno un effetto benefico sullo sviluppo delle piante, poiché sono il loro alimento principale e contribuiscono al pieno sviluppo dei rappresentanti della flora. Oggi non è difficile acquistare fertilizzanti per i fiori, ma puoi anche realizzarli da solo. L’articolo discuterà tutti gli oligoelementi necessari per le piante..

Contenuto:

I fertilizzanti, a seconda dell’origine, sono minerali o organici. A loro volta, possono essere in forma liquida o solida e avere un effetto diretto o indiretto sulle piante. Anche i metodi per introdurli nel terreno differiscono, poiché alcune miscele di nutrienti vengono applicate superficialmente come condimento superiore, altre devono essere mescolate insieme al terreno durante la semina.

Concimi minerali per fiori

Lo scopo principale dell’applicazione di fertilizzanti minerali è riempire il terreno con elementi speciali, che sono la principale fonte di nutrimento per i fiori da giardino. Questi elementi includono potassio, azoto e fosforo..

In base al contenuto di un determinato elemento, i fertilizzanti minerali sono suddivisi in diversi gruppi principali..

Concimi azotati per fiori

L’azoto è il costituente principale di questo gruppo. Promuove lo sviluppo della parte terrestre delle colture floricole. È consuetudine distinguere i seguenti tipi:

Ammoniaca o fertilizzanti di ammonio

  • Solfato di ammonio (solfato di ammonio).
  • Cloruro di ammonio (cloruro di ammonio).

I fertilizzanti di questo tipo vengono assorbiti meglio dalle radici dei fiori che crescono su terreni leggermente acidi, possono essere applicati in primavera o in autunno..

  • I fertilizzanti azotati ammoniacali contengono circa il 20-25% di azoto. Non è consigliabile aggiungere tali sostanze per lungo tempo, poiché ciò può portare ad un aumento dell’acidità del terreno. Se è necessario un uso a lungo termine, il terreno dovrebbe essere disossidato, ad esempio con farina di lime o dolomite. I fiori con una lunga stagione di crescita non sono indifferenti a questo tipo di alimentazione: garofano, begonia, aster e lobelia.
  • Il solfato di ammonio rimane a lungo nel terreno e tende a dilavarsi lentamente, quindi può essere utilizzato su terreni molto umidi o prima dell’inverno. Esteriormente sembra cristalli bianchi o grigio-verdi.

  • Il cloruro di ammonio viene prodotto sotto forma di cristalli bianchi; non è consigliabile aggiungerlo come condimento superiore, poiché un eccesso di cloro inibisce i fiori da giardino.

Fertilizzanti nitrati

  • UNnitrato di sodio.
  • Nitrato di calcio.

I fertilizzanti di questo gruppo si dissolvono facilmente in acqua e contengono fino al 15% di azoto sotto forma di acido..

  • È meglio applicare fertilizzanti nitrati al terreno in autunno o all’inizio della primavera al ritmo di 25 g per 1 m2. È consentito l’uso su terreni acidi sotto forma di medicazione superiore liquida. Per l’intera stagione di crescita delle colture floreali, è necessario produrre non più di 150 g per 1 mq. m di suolo.
  • Il nitrato di sodio viene prodotto sotto forma di cristalli bianchi o giallo pallido e ha effetti benefici sulla maggior parte dei fiori da giardino. Il momento ottimale per l’applicazione al terreno è il periodo di emergenza dei primi germogli, poiché i nutrienti nel fertilizzante contribuiscono alla rapida crescita delle piante. Non è consigliabile mescolare con perfosfato e applicare su terreni salini, allo stesso tempo, si può ottenere un buon effetto quando si aggiungono fertilizzanti di potassio al nitrato di sodio.
  • Il nitrato di calcio si presenta sotto forma di polvere bianca o giallo-rosa. Una lunga conservazione è indesiderabile, poiché la massa si aggrappa rapidamente e si accartoccia. Particolarmente efficace su terreni acidi e leccati di sale.

Fertilizzanti a base di nitrato di ammonio

  • Nitrato di ammonio.

È un fertilizzante universale che non si accumula nel terreno e si applica da marzo a luglio prima della semina..

  • I fiori sono ben disposti a tale nutrimento e lo assorbono immediatamente dopo l’applicazione. Contiene salnitro di ammonio (acido nitrico), dove la riserva di azoto arriva fino al 35%.

  • Il nitrato di ammonio viene prodotto sotto forma di granuli o palline bianchi e giallastri, che vengono lavorati con una composizione resistente all’umidità, ma va tenuto presente che i sali di ammonio assorbono molto fortemente l’acqua, quindi è necessario tenere il fertilizzante lontano da umidità, altrimenti potrebbe iniziare il processo di aggregazione.
  • Il salnitro non si concentra nel terreno e si dissolve rapidamente, quindi può essere utilizzato nei periodi di siccità. È particolarmente efficace in combinazione con elementi come potassio e fosforo..

Fertilizzanti ammidici

  • Urea (urea).

Una sostanza altamente solubile in acqua, quando introdotta nel terreno, dà l’effetto di una debole acidità, quindi, dove un aumento dell’acidità è indesiderabile, il terreno deve essere calcareo.

  • L’urea viene prodotta sotto forma di granuli bianchi, ma può anche avere una forma cristallina..
  • L’urea viene utilizzata come mangime istantaneo e contiene fino al 45% di azoto. Nel terreno, l’azoto viene convertito in carbonato di ammonio.
  • L’urea dovrebbe essere introdotta nel terreno in anticipo, all’inizio della primavera o per l’aratura autunnale. È anche consentito l’uso di sostanze ammidiche sotto forma di soluzione acquosa durante l’irrigazione o miscelandosi direttamente con il terreno sotto la pianta durante l’allentamento.

Tutti i fertilizzanti azotati sono idrosolubili, pertanto, per ottenere un’adeguata nutrizione per le colture floricole, non hanno bisogno di essere interrati in profondità ed è consigliabile applicarli dopo la semina o l’impianto. È ottimale da usare come condimento superiore, che viene prodotto più volte a stagione..

Consiglio: quando si alimenta con sostanze contenenti azoto, è necessario seguire le istruzioni, poiché una grande quantità di azoto ha un effetto dannoso sulle colture floreali.

Concimi fosfatici

L’elemento principale di questo gruppo di fertilizzanti è il fosforo. È consuetudine distinguere diversi tipi in base al grado di solubilità..

Fertilizzanti fosfatici solubili in acqua

  • Perfosfato semplice.
  • Doppio perfosfato.

Tali fertilizzanti vengono applicati su tutti i tipi di terreno..

  • I perfosfati si ottengono da fosforite, apatite o acido solforico. I produttori producono fertilizzanti sotto forma di granuli o polvere di colore bianco e grigio. Si consiglia di aggiungere superfosfati al terreno durante la semina di colture floreali, ma è anche possibile l’applicazione autunnale per lo scavo..
  • Il perfosfato semplice contiene circa il 15-20% di fosforo. Il doppio perfosfato è un fertilizzante più concentrato e contiene fino al 40% di fosforo. Solfato di calcio o zolfo è usato come zavorra. Inoltre, ai superfosfati possono essere aggiunti numerosi oligoelementi, come magnesio, molibdeno, manganese o boro..
  • I perfosfati sono molto ben assorbiti dalle colture floricole, sia sotto forma di soluzione acquosa che applicati direttamente al terreno.

Concimi fosfatici semisolubili

  • Precipitato.

Per dissolvere questo fertilizzante vengono utilizzati acidi deboli, poiché non si dissolve in un mezzo acquoso, cioè per ottenere sostanze utili dalle piante, il precipitato deve essere introdotto in terreni acidi e leggermente acidi, mescolando accuratamente con il terreno.

  • Questo fertilizzante è disponibile sotto forma di polvere grigia o bianca e ha un contenuto di fosforo del 35%. Auspicabile applicazione autunnale al suolo, per scavare.

Fertilizzanti al fosforo poco solubili

  • Farina di fosforite.

La farina di fosforite viene prodotta sotto forma di una sostanza polverosa marrone o grigia, insolubile in acqua e leggermente solubile in acidi..

  • Questa è fosforite macinata, il cui contenuto di fosforo raggiunge il 30%. Il fertilizzante viene aggiunto direttamente al terreno intorno alle piante, mentre è auspicabile che il terreno abbia una maggiore acidità.
  • La farina di fosforite è in grado di giovare alle piante che crescono su terreni di torba e podzolici, poiché semplicemente non si dissolve su terreni leggermente acidi, il che significa che non viene assorbita dalle colture floreali. È ottimale mescolare questa sostanza con letame o urea. L’efficacia del fertilizzante arriva dopo un lungo periodo di tempo, è ottimale applicare per lo scavo autunnale.
  • Con l’uso prolungato di roccia fosfatica, l’acidità del suolo diminuisce. Molto spesso, la polvere viene utilizzata per sigillare le fosse del compost. Quando viene applicata una grande quantità di fertilizzante, è in grado di nutrire le piante per diversi anni, quindi è bene utilizzarlo per nutrire i fiori perenni del giardino..

Tutti i fertilizzanti della forma del fosforo hanno la proprietà di una lenta penetrazione nel terreno. Il fosforo è un elemento importante per il pieno sviluppo delle piante, ha un effetto positivo sullo splendore e sulla durata della fioritura. È necessario ricostituire regolarmente le sue riserve nel terreno, applicare tempestivamente fertilizzanti dal gruppo del fosforo. Il tempo di applicazione ottimale è l’autunno o l’inizio della primavera, di norma non viene utilizzato come medicazione per l’acqua..

Concimi potassici per fiori

L’elemento principale di questo gruppo è il potassio..

Sali di cloruro concentrati

  • Cloruro di potassio.

Tale sostanza è prodotta sotto forma di polvere o cristalli grigi, crema e bianchi, contiene fino al 60% di potassio.

  • Il cloruro di potassio è ben assorbito dalle colture di fiori da giardino. Inoltre, può essere miscelato con quasi tutti gli elementi chimici e può essere applicato anche alla maggior parte dei tipi di terreno. Il cloruro di potassio è completamente solubile in acqua e può assorbire fortemente l’umidità, quindi, se conservato in luoghi umidi, si agglutina..
  • Il potassio acidifica il terreno; la sua introduzione dopo la calcinazione è considerata ottimale. Poiché il fertilizzante contiene cloro nella sua composizione, le colture che reagiscono negativamente a questo elemento dovrebbero essere applicate in quantità limitata. Il cloruro di potassio viene aggiunto al terreno in autunno, quindi entro la primavera la maggior parte del cloro viene dilavata. I cereali ornamentali rispondono bene all’uso del fertilizzante di potassio.

Sali concentrati di solfato

  • sale di potassio.
  • solfato di potassio.

Il sale di potassio è prodotto sotto forma di cristalli rosso giallastri e contiene fino al 38% di potassio.

  • È un potente fertilizzante e può essere applicato a quasi tutti i fiori da giardino. Il sale di potassio è meglio usato in autunno. Il fertilizzante è ottenuto dalla combinazione meccanica di cloruro di potassio con kainite e silvinite.
  • Il solfato di potassio contiene fino al 50% di potassio ed è un fertilizzante senza cloro. È una polvere cristallina bianca con una leggera sfumatura gialla. È considerato il miglior fertilizzante di potassio per la maggior parte delle colture grazie alla sua eccellente solubilità in acqua. Può essere applicato come fertilizzante principale, nonché sotto forma di medicazioni autunnali e primaverili. Le piante che crescono su zolle, torba e terreni podzolici richiedono solfato di potassio. Ma non dovresti nutrire le piante che crescono su terreni leggeri in autunno, poiché sotto l’influenza dell’umidità, il microelemento viene lavato via dal terreno..

  • La fertilizzazione con potassio in autunno aiuta le piante a prepararsi meglio per l’inverno. Lino e agrumi rispondono bene all’uso del solfato di potassio. È consentito mescolare con quasi tutti gli altri fertilizzanti, ad eccezione di quelli che contengono calcio.
  • Il potassio si dissolve in acqua, ma penetra lentamente nel terreno, quindi, se il terreno ha una composizione argillosa o argillosa, i fertilizzanti di potassio devono essere applicati in modo tale da trovarsi in prossimità di piccole radici di fiori. Quindi i nutrienti raggiungeranno la pianta più velocemente. Soprattutto, i fiori che crescono su terreni sabbiosi hanno bisogno di tali fertilizzanti. Il potassio aumenta la resistenza delle piante alle malattie, spesso usato in combinazione con altri elementi come fosforo, azoto, rame, ferro, zinco o magnesio.

Concime complesso per fiori

  • La moderna industria chimica sta cercando di ottenere sempre più nuove forme di fertilizzanti complessi, che combinino tutti i nutrienti necessari per le piante..
  • Le piante hanno bisogno di un’alimentazione costante. In ogni periodo di crescita, i fiori devono ricevere la quantità richiesta di determinati fertilizzanti minerali. Quindi, nelle colture di fiori giovani, l’apparato radicale è poco sviluppato e si trova vicino alla superficie del suolo, quindi i fertilizzanti dovrebbero essere applicati superficialmente..
  • Quando si applica un fertilizzante, si dovrebbe cercare di non bruciare le parti delicate della pianta, cioè diluire il fertilizzante con acqua e innaffiare il terreno intorno.
  • Per la maggior parte dei fiori, per una crescita completa e un’abbondante fioritura, è necessario introdurre non un elemento, ma diversi contemporaneamente. A questo proposito, i fertilizzanti minerali complessi, che includono 2 o più elementi, sono diventati molto popolari. Ad esempio, nitrophoska (miscela di azoto-potassio-fosforo) o ammophos (miscela di fosforo-azoto).

I fertilizzanti complessi, a seconda del metodo di produzione, possono essere:

  • Complicato – ottenuto da una reazione chimica, caratterizzata dall’assenza di sostanze zavorre;
  • Combinato – ottenuto per reazione chimica o fisica da materie prime primarie, la caratteristica principale è la presenza di nutrienti di base ad alta concentrazione;
  • Misto – ottenuto dalla miscelazione a secco di fertilizzanti semplici.

I tipi più popolari di fertilizzanti complessi:

  • Ammophos – è prodotto sotto forma di granuli grigi, contiene fino al 12% di azoto e fino al 50% di fosforo, un fertilizzante idrosolubile, il cui principale svantaggio è che contiene 4 volte meno azoto del fosforo e, di regola, le colture floreali richiedono una quantità uguale di questi elementi;
  • Nitrofoska – Viene prodotto sotto forma di granuli grigi con una leggera sfumatura rosa, contiene il 12% di potassio, fosforo e azoto, tutte le sostanze sono in forma facilmente accessibile e ben assimilata dalle piante. Il fertilizzante viene applicato all’inizio della primavera prima della semina e viene utilizzato anche in estate come condimento superiore;

  • Nitroammofoska – prodotto sotto forma di granuli grigio-rosa, contiene il 17% di potassio, fosforo e azoto e il 2% di zolfo, può essere utilizzato su qualsiasi tipo di terreno;
  • Nitrofos – prodotto sotto forma di granuli, utilizzato per la maggior parte dei fiori da giardino, contenente il 6% di azoto, l’11% di calcio e il 16% di fosforo;
  • diamofos – è prodotto sotto forma di granuli grigi e contiene il 20% di azoto, il 50% di fosforo;
  • Diammofoska – Viene prodotto sotto forma di granuli grigio scuro, contiene il 10% di azoto e il 26% di potassio e fosforo, inoltre contiene elementi come ferro, calcio, zinco, magnesio e zolfo. Grazie a questa composizione, il fertilizzante può essere applicato a quasi tutti i tipi di fiori da giardino;
  • Ammofosfato – prodotto sotto forma di granuli, contiene fino al 6% di azoto e fino al 45% di fosforo, utilizzato per l’applicazione del terreno primaverile.
  • Inoltre, tra i fertilizzanti minerali, ci sono microfertilizzanti, contenente un elemento specifico (zinco, rame, boro, ferro, magnesio).

  • Ci sono anche fertilizzanti polimicrobici, cioè, che includono diversi oligoelementi. Quando si utilizzano tali fertilizzanti, è necessario osservare rigorosamente il dosaggio, poiché un eccesso di oligoelementi è dannoso per il pieno sviluppo delle piante..

Molti microfertilizzanti sono usati come concimazione fogliare, tale irrorazione agisce più velocemente, ma il suo effetto è meno duraturo rispetto alla fertilizzazione applicata al terreno..

Consiglio: non tutte le composizioni del suolo hanno un insieme equilibrato di sostanze nutritive, quindi i terreni sabbiosi hanno un grande bisogno di integratori di magnesio, azoto e potassio, i terreni di torba hanno bisogno di molibdeno e rame, terreno nero – nel manganese, i terreni argillosi sono poveri di manganese e ferro. È necessario tenere conto della composizione del terreno quando si applica questo o quel tipo di fertilizzante.

Concimi organici per fiori in campagna

Il secondo grande gruppo di fertilizzanti è chiamato organico. Sono costituiti dai resti di vari organismi (rifiuti vegetali o animali) e microrganismi, le cui azioni attive aiutano a decomporre questi residui.

Letame e escrementi di uccelli

Il letame animale è il fertilizzante organico più comunemente usato. La sua composizione varia a seconda del tipo di animale.

  • Il letame avicolo è considerato il più concentrato in termini di nutrienti per le piante, al secondo posto c’è il letame di capra, pecora e cavallo, poi quello di vacca e quello di suino all’ultimo posto, che è il più debole in termini di presenza di elementi utili, e si differenzia anche per la presenza di una reazione acida.
  • È consuetudine applicare il letame ogni anno nel periodo autunnale per quasi tutti i tipi di piante. Tale fertilizzante deve essere immagazzinato in pile, che vengono posate con strati di torba o paglia e vengono aggiunti fertilizzanti al fosforo (farina di fosforite o perfosfato).
  • Il letame stesso contiene un gran numero di elementi chimici come potassio, fosforo e azoto, che sono così necessari per la crescita e la fioritura dei fiori da giardino. Dopo essere stato applicato al suolo, il letame si decompone per diversi anni, rilasciando anidride carbonica, che contribuisce all’arricchimento del suolo e ne migliora le condizioni. È meglio usare letame marcito, poiché se applicato fresco, può danneggiare (bruciare) le radici delle giovani piante.
  • Quando si utilizza il liquame, vale la pena ricordare che un tale fertilizzante contiene solo azoto e potassio, quindi, quando viene utilizzato, viene aggiunto perfosfato alla composizione. Questo fertilizzante viene utilizzato come fertilizzante liquido e viene diluito con acqua in un rapporto di 1 parte della sostanza per 5 parti di acqua. Se lo sterco di vacca (verbasco) viene utilizzato per l’irrigazione, deve essere diluito 10 volte. La soluzione preparata viene lasciata fermentare per diversi giorni, a seguito della quale l’azoto evapora da essa, quindi, prima dell’uso, è possibile aggiungere solfato di ammonio alla velocità di 15 g per 10 l di soluzione.
  • Il letame di pollame è considerato un fertilizzante ad azione rapida, il cui uso frequente è indesiderabile, poiché l’azoto nel terreno inizierà ad accumularsi in grandi quantità. È meglio chiudere gli escrementi solidi per lo scavo autunnale. Molto spesso, si consiglia di utilizzare il letame di pollo come soluzione acquosa, per questo viene diluito con metà acqua e infuso per 4-6 giorni, dopodiché viene diluito 10 volte con acqua pulita e i fiori del giardino vengono annaffiati 1-2 volte per stagione.

Compost

  • Questo è il miglior fertilizzante per fiori, ottenuto da una varietà di rifiuti (erba o cucina), accatastati in modo speciale in cumuli chiamati compost..

  • I cumuli di compost vengono accatastati su luoghi asciutti e ricoperti di terra, con l’aggiunta di una manciata di cenere e calce, di tanto in tanto il compost viene versato con acqua. Il fertilizzante diventa pronto per l’uso in un anno, va applicato mescolando con il terreno.
  • Torba, paglia, letame, foglie, erbacce possono essere utilizzate come materie prime per la concimazione domestica dei fiori. È necessario assicurarsi che nessuna sostanza velenosa per le piante e residui di piante infette entrino nei cumuli di compost..

Sovescio o sovescio

  • Su terreni poveri di nutrienti vengono seminate piante speciali che, raggiunta una certa dimensione, vengono falciate e arate nel terreno..
  • Come sovescio si utilizzano piselli primaverili, lupini, fave, girasole, facelia o grano saraceno. Queste sono piante ricche di azoto. Entro nel suolo, i loro resti si decompongono e arricchiscono la terra. Se i fiori del giardino vengono piantati su tali terreni, riceveranno la maggior parte dei nutrienti necessari..
  • Inoltre, i lupini possono essere utilizzati come colture floreali..

Limo di fiume o lago (sapropel)

  • Il limo contiene una grande quantità di fosforo, azoto e potassio, cioè esattamente quegli elementi che sono così necessari per il pieno sviluppo e la fioritura rigogliosa delle piante da giardino.
  • Tale fertilizzante è contenuto in grandi quantità sul fondo dei bacini idrici – in laghi, stagni e fiumi. Le colture che crescono su terreni sabbiosi rispondono bene a tale alimentazione..
  • I fanghi vengono introdotti con il calcolo di 7-10 kg per 1 mq. m.

Torba

  • Non ci sono molti nutrienti nella torba, ma allo stesso tempo è un ottimo strumento per migliorare la struttura del suolo..
  • Esistono tre tipi principali di torba: alta brughiera (alta acidità), bassa (alto grado di decomposizione) e di transizione (media acidità e basso grado di decomposizione). Puoi aggiungere la torba in qualsiasi momento dell’anno, ma assicurati di aggiungere il lime.
  • È meglio usare la torba quando si coltivano piantine di fiori..

Segatura e corteccia

  • La segatura di legno può moltiplicare la fertilità del suolo, pur avendo un effetto positivo sulla permeabilità all’aria e all’umidità della terra.
  • La segatura e la corteccia devono essere portate in decomposizione, mescolandosi con foglie cadute, terra o residui di piante. Il perfosfato deve essere aggiunto alla segatura marcita e fertilizzanti azotati alla corteccia.

I fertilizzanti organici contengono molti nutrienti come calcio, potassio, fosforo, azoto. Quando la materia organica si decompone, oltre ai nutrienti, nel terreno viene rilasciata anidride carbonica, necessaria alle piante per il processo di fotosintesi. Inoltre, i fertilizzanti organici migliorano la struttura del suolo, contribuiscono alla crescita di microrganismi benefici e hanno un effetto positivo sulla nutrizione dell’aria e dell’acqua delle piante. I produttori di fertilizzanti offrono ai giardinieri speciali miscele già pronte, ad esempio una miscela di fiori che contiene il 7% di azoto e potassio e il 10% di fosforo..

Suggerimento: la cenere, che contiene una grande quantità di potassio e calcio, è considerata un ottimo fertilizzante; tale fertilizzante viene utilizzato su tutti i tipi di terreno in combinazione con letame, humus o torba.

I fertilizzanti per i fiori sono una sostanza necessaria, poiché hanno un effetto positivo sulla loro crescita e sviluppo. L’azoto accelera la crescita di foglie, radici e steli, il fosforo aiuta la pianta a essere forte e sana e il potassio aumenta la resistenza alle malattie. Ma non dovresti applicare più fertilizzanti di quelli necessari per questo o quel tipo di fiori, poiché ciò può portare al fatto che le piante iniziano a crescere attivamente la massa verde e la fioritura sarà debole o per niente..