Clima

Come isolare correttamente il tetto

Recentemente, sempre più proprietari di case sono preoccupati per l’isolamento del tetto della loro casa, spiegando questo desiderio con un’elevata perdita di calore. Dopotutto, tutti sanno che il calore aumenta. Inoltre, sul mercato sono comparsi molti materiali per l’isolamento del tetto e la stessa tecnologia di isolamento è “esagerata” nelle pubblicità di quasi tutti i ferri. Essendo sembrato “come quello di un vicino”, il proprietario compassionevole acquista materiale costoso, lo assembla, come gli sembra, correttamente, e dopo alcuni mesi il livello di perdita di calore viene ripristinato. Quello che è successo? Saliamo in soffitta, smontiamo la torta del tetto, guardiamo, e l’isolamento è bagnato e ammuffito, le travi sono bagnate e marciscono. L’immagine è deprimente: volevo il meglio, ma si è scoperto, come sempre. E il segreto è che un tetto adeguatamente isolato dovrebbe essere realizzato sotto forma di una torta a strati, dove ogni elemento svolge la sua funzione. In questo articolo, ti diremo come isolare correttamente il tetto e spiegheremo in quali casi può essere isolato e in quali non ne vale la pena..

Quando è necessario isolare il tetto

Prima di passare alla tecnologia dell’isolamento del tetto, decidiamo se è necessario isolare il tetto in modo specifico nel tuo caso. Quindi, se non hai intenzione di utilizzare l’attico come un piano residenziale, ed è una stanza fredda sotto il pendio, dove viene immagazzinato il massimo ogni sorta di cose che “e se tornassero utili”, allora non hai bisogno per isolare il tetto. Nel caso di un sottotetto freddo, i soffitti sono isolati, ad es. il pavimento della soffitta, ma non la rampa stessa. Qui è anche possibile chiarire che l’isolamento del tetto di un attico freddo funzionerà in direzione negativa e cesserà di svolgere le sue funzioni..

Se si prevede di utilizzare la stanza sotto la pendenza del tetto per l’edilizia abitativa, ad es. come mansarda con riscaldamento, quindi è indispensabile isolare il tetto. La mansarda deve essere completamente isolata dal tetto in modo che il calore della stanza riscaldata non sciolga la neve che giace sul tetto. La neve sciolta si trasforma in ghiaccio e distrugge il materiale del tetto. È anche importante rimuovere l’umidità in eccesso dallo spazio sottotetto predisponendo una ventilazione di alta qualità..

Il meglio per isolare il tetto – materiali

Ci sono molti materiali per l’isolamento del tetto ora. Sono fondamentalmente diversi l’uno dall’altro nelle proprietà e nella struttura. E dato che “ogni piovanello loda la propria palude”, a volte è difficile fare una scelta. In un posto si dice di isolare con la schiuma – economica e allegra, in un altro – con la lana minerale, poiché ci sono molti campioni di alta qualità di diversi produttori, e altri ancora sostengono un metodo innovativo per spruzzare la schiuma di poliuretano. Pertanto, scopriamo quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo o quel materiale..

Isolamento del tetto con lana minerale dall'interno

Lana minerale (basalto) – il leader nell’isolamento del tetto al momento. I suoi vantaggi, importanti proprio per isolare il tetto: non brucia e non supporta la combustione, ad es. completamente ignifugo, il materiale è elastico, quindi si inserisce perfettamente nello spazio tra le travi e mantiene la sua forma in futuro (posizioni lastra), non lascia spazi tra le travi e il materiale. A ciò si aggiungono il prezzo relativamente contenuto, la disponibilità generale, la facilità d’uso e le ottime qualità di isolamento termico..

Lo svantaggio della lana minerale è l’igroscopicità. Sfortunatamente, come qualsiasi cotone idrofilo, la lana minerale assorbe l’umidità o il vapore, il che la rende bagnata. La lana bagnata, invece, perde le sue proprietà di isolamento termico di quasi il 60 – 80%. Perché succede? Il fatto è che la lana minerale accumula umidità, ma non la dà via. Di conseguenza, il materiale una volta bagnato dovrà essere gettato via. Vale la pena notare che questo inconveniente può essere combattuto, è sufficiente proteggere con cura il cotone idrofilo dall’umidità e durerà per molti anni..

Polistirene espanso (polistirolo) ultimamente sta riscuotendo un’invidiabile popolarità, tra l’altro, assolutamente immeritatamente. Ad esempio, è categoricamente sconsigliato isolare il tetto per loro, e ci sono diverse ragioni per questo: il polistirolo espanso brucia e gocciola con gocce infuocate, il materiale si sbriciola e diventa inutilizzabile nel tempo, quando si tagliano i bordi si sbriciolano, di conseguenza , si formano degli spazi tra il materiale e le travi, che devono essere riparati. Sopravvivere a un incendio in una soffitta isolata con schiuma è quasi impossibile.

Quindi, nonostante gli ovvi vantaggi del polistirene espanso: peso leggero, prezzo basso, resistenza all’umidità, deve essere messo da parte quando si isola la soffitta. Si prega di notare che la stessa specificità dell’uso della schiuma come isolante suggerisce che sarà nascosta dall’intonaco o dal massetto. In altre parole, è buono al suo posto – in una facciata bagnata e sotto un massetto..

Isolamento del tetto con schiuma di polistirene estruso

Polistirene espanso estruso – infatti, una schiuma migliorata e un ottimo materiale per l’isolamento, dove la rigidità è importante. A differenza della schiuma, brucia, ma non supporta la combustione, mantiene la sua forma e ha una struttura che non si sbriciola o collassa durante il taglio e l’installazione. Inoltre, i vantaggi della schiuma di polistirene estruso sono resistenza all’umidità, durata, leggerezza, resistenza e rigidità, eccellenti proprietà di isolamento termico (è necessario uno strato più piccolo rispetto alla lana minerale).

Schiuma poliuretanica ha cominciato ad essere utilizzato per l’isolamento dei tetti abbastanza di recente, ma sono già riuscito a pubblicizzare a brandelli. Questo materiale è plastica riempita di gas. Viene spruzzato utilizzando un’installazione speciale e il vantaggio indiscutibile di questa tecnologia è che non rimangono assolutamente spazi vuoti. Inoltre, la schiuma di poliuretano non brucia, non assorbe l’umidità, pesa poco e mantiene la sua forma. E spruzzare il materiale non solo nello spazio tra le travi, ma anche sulla superficie interna delle travi, evita i ponti freddi, che sono travi di legno. Lo svantaggio della schiuma di poliuretano è la permeabilità al vapore, la mansarda risulta essere un po ‘umida, se non si dota di alimentazione e ventilazione di scarico di alta qualità.

Tetto coibentato in poliuretano espanso: esempio video

Ecowool o l’ovatta di cellulosa è stata recentemente utilizzata anche per l’isolamento. Ha una serie di vantaggi: non brucia, è ecologico, “respira”, pesa poco e soffia anche in tutte le fessure, non assorbe l’umidità. Né l’evaporazione dell’ecowool, né le sue piccole particelle sono in grado di danneggiare la salute umana, a differenza della lana di basalto.

Ponendo la domanda, qual è il modo migliore per isolare il tetto, è necessario capire che ogni materiale è buono al suo posto.

È conveniente isolare il tetto con lana minerale, posandolo tra le travi. Questo design è conveniente e mantenibile, se necessario, la torta del tetto può essere smontata e le travi possono essere ispezionate. Questo è estremamente importante per il tetto.

È meglio non isolare il tetto con il polistirolo espanso, abbiamo già deciso su questo.

La schiuma di polistirene estruso è conveniente per isolare tetti piani e pendii con un basso angolo di inclinazione posando il materiale sopra le travi dall’esterno. Il materiale è abbastanza resistente da funzionare bene sotto il materiale del tetto. È possibile posare EPSP tra le travi, ma non è molto conveniente, poiché ci saranno sempre degli spazi tra la trave della trave e il materiale. È miope soffiare tali crepe con schiuma di poliuretano, collassa a causa di frequenti sbalzi di temperatura, di tanto in tanto. Inoltre, per ispezionare le travi, l’intero strato di schiuma dovrà essere tagliato e rimosso..

La schiuma di poliuretano è un materiale, ovviamente, resistente, ma utilizzarla per l’isolamento del tetto è miope. In effetti, seppellisci le travi in ​​uno strato di schiuma di poliuretano. Non sarai in grado di ispezionare le loro condizioni senza rimuovere il materiale. Questo è uno svantaggio molto significativo: il tetto diventa irreparabile..

Isolamento termico del tetto con ecowool

Ecowool può essere utilizzato nei solai mansardati, caratterizzati da un’ampia superficie e spaziosità. Ciò è dovuto al fatto che lo strato di ecowool per isolare il tetto è di 500 mm, è di questa larghezza che dovrà essere allocato lo spazio per la struttura in cui verrà insufflato l’ecowool.

Come isolare correttamente il tetto

Dopo aver deciso il materiale, è tempo di familiarizzare con la tecnologia per lavorarci. L’intera struttura del tetto coibentato dipenderà dal materiale selezionato, nonché dal luogo della sua installazione..

Esistono diverse opzioni per organizzare l’isolamento del tetto: posa dell’isolamento tra le travi, posa dell’isolamento all’esterno sotto il materiale del tetto, installazione dell’isolamento all’interno della soffitta sulle travi e soffiaggio del materiale sulla superficie tra le travi. Diamo un’occhiata più da vicino ad alcuni di essi, i più popolari, in cui commettono più errori..

Posa dell’isolamento tra le travi

Ad esempio, consideriamo l’opzione quando tra le travi viene posata lana minerale (basalto) con uno strato di 250 mm. Questo materiale richiede una stretta aderenza alla tecnologia di installazione..

Costruzione del tetto coibentato – pannello termoisolante con lana minerale (dall’interno verso l’esterno):

Costruzione del tetto coibentato

  • Materiale di finitura (muro a secco);
  • Intercapedine di ventilazione;
  • Membrana barriera al vapore (protegge la lana minerale dai vapori);
  • Lana minerale (basalto);
  • Membrana impermeabilizzante (lascia fuoriuscire il vapore, ma non lascia entrare l’acqua);
  • Intercapedine di ventilazione;
  • Materiale di copertura.

Tutti i lavori sull’isolamento del tetto in questo modo sono convenienti da eseguire nella fase di costruzione di una casa, ma se il momento viene perso, dovrai rimuovere il materiale del tetto, altrimenti risulterà di scarsa qualità.

Fasi di lavoro:

Impermeabilizzazione del tetto

  • Dopo che la struttura della capriata del tetto è stata montata, ma non è ancora iniziata la posa del materiale di copertura, è necessario occuparsi dell’impermeabilizzazione del tetto. Per questo, sulle travi viene stesa una membrana impermeabilizzante a superdiffusione. È importante non confondere i lati, poiché un lato non consente il passaggio dell’acqua e l’altro – nella direzione opposta del vapore. È necessario stendere con il lato impermeabile. Il lavoro inizia dal basso, dalla grondaia, salendo. Le tele vengono posate con una sovrapposizione di almeno 10 – 15 cm e le giunture sono incollate con nastro adesivo. Il film impermeabilizzante non deve essere messo a tenuta, poiché con l’inizio del gelo si restringerà e potrebbe danneggiarsi nei punti di attacco. Pertanto, lo diffondono con un cedimento di circa 2 cm per 1 m.Il film è attaccato alle travi con graffette di una cucitrice meccanica, se non esiste tale strumento, è possibile utilizzare chiodi zincati con una testa larga.
  • La fase successiva è la formazione di uno spazio di ventilazione attraverso il quale verranno rimossi i vapori in eccesso che fuoriescono dall’isolamento. Sopra l’impermeabilizzazione viene riempita una cassa di doghe di legno con uno spessore da 2,5 a 5 cm, lo spessore dipende dalla larghezza della fessura di ventilazione richiesta. Le rotaie sono fissate con viti autofilettanti zincate, previa foratura delle rotaie, in modo da non ferire nuovamente il film impermeabilizzante con un oggetto appuntito.
  • Il materiale di copertura è montato sopra il tornio.

Posa della lana minerale tra le travi

  • La fase successiva è l’installazione dell’isolamento, quindi è necessario spostarsi all’interno della mansarda. Innanzitutto, la lana minerale viene disimballata e lasciata sdraiare in modo che prenda la sua forma normale. Quindi le tele e le lastre (qualunque sia più conveniente) vengono tagliate nelle lunghezze richieste. La distanza tra le travi è presa come base. La larghezza del foglio di lana minerale dovrebbe essere uguale alla distanza tra le travi più 20 – 30 mm per la formazione di tensione, in modo che il materiale diventi “distanziato”. Puoi tagliare la lana minerale con un normale coltello da costruzione, ma assicurati di indossare guanti, un respiratore e indumenti attillati in modo che le microparticelle del materiale non entrino sulla pelle.

Isolamento del tetto con lana minerale - raddrizzamento dei bordi

  • Quindi i fogli di lana minerale vengono spinti nello spazio tra le travi. I bordi del materiale vicino alle travi risulteranno leggermente piegati, quindi è necessario premere al centro della tela, si aprirà e i bordi si raddrizzeranno.

Stesura di un film barriera al vapore su lana minerale

  • Una nuova fase è la disposizione di una barriera al vapore. Sopra i fogli di lana minerale, viene steso e fissato un film barriera al vapore, che non lascerà i vapori bagnati dal soggiorno all’interno dell’isolamento. Anche le tele del film vengono posate con una sovrapposizione, incollate con nastro adesivo e attaccate alle travi con graffette di una cucitrice meccanica.
  • Quindi viene creata una fessura di ventilazione in modo che il vapore accumulato vicino al film possa essere scaricato. Per fare ciò, sopra il film barriera al vapore, viene farcita una cassa di doghe di 25 mm di spessore.
  • Sopra il tornio, è montato il materiale di finitura delle pareti e del soffitto dell’attico – il più delle volte è il muro a secco.

Tetto coibentato – esempio foto.

Tetto coibentato - esempio foto

Questo completa l’isolamento del tetto. Tutti i materiali sono a posto: le travi in ​​legno e l’isolamento sono protetti in modo affidabile dall’umidità che può penetrare attraverso un tetto che perde, dall’interno, l’isolamento è protetto dal vapore che proviene dalla stanza e l’intera struttura è riparabile. Se è necessario ispezionare le condizioni delle travi, sarà necessario smontare il muro a secco, la cassa e il film barriera al vapore, quindi rimontarlo.

Isolamento sopra l'impermeabilizzazione del tetto

Se vuoi isolare il tetto in una vecchia casa e non vuoi rimuovere il materiale di copertura, puoi fissare la membrana impermeabilizzante dall’interno del sottotetto avvolgendola attorno alle travi e avvolgendola all’interno dello spazio tra le travi. L’isolamento è posto sopra. Questo design è peggiore del precedente, poiché le travi non sono protette dalle influenze ambientali.

Isolamento di un tetto morbido

Se sei interessato alla domanda su come isolare un tetto morbido, la risposta è semplice: utilizzando la stessa tecnologia descritta sopra. L’unica differenza è che il compensato resistente all’umidità viene inserito sulla cassa, che forma uno spazio tra la membrana impermeabilizzante e il materiale del tetto. Sopra i fogli di compensato viene posato e fissato un tetto morbido.

Isolamento di un tetto piano

Isolamento termico di un tetto piano con lastre di lana minerale

La tecnologia dell’isolamento del tetto piano si distingue. Qui non è possibile montare l’isolamento tra le travi e posarlo sopra il tetto è irto della difficoltà che il materiale deve essere estremamente resistente. È così che la lana minerale e l’ecowool, così come la schiuma di poliuretano vengono spazzate via, e rimangono solo la schiuma di polistirene estruso e le lastre di maggiore rigidità dalla lana di basalto.

Dispositivo per tetto piano coibentato:

Isolamento termico di un tetto piano con polistirene espanso estruso

  • Barriera al vapore sopra il tetto (non necessaria per EPS);
  • Lastre in polistirene espanso estruso o lana di basalto;
  • Impermeabilizzazione con mastice bituminoso e cartonfeltro;
  • Massetto cemento-sabbia.

Fasi di lavoro:

  • I tetti piani sono più spesso una soletta o, meno spesso, lastre ondulate. Sopra il solaio è necessario stendere un film barriera al vapore. Se sul tetto viene posato un cartone ondulato, in questa fase non è necessario materiale barriera al vapore.

Isolamento termico di un tetto piano con polistirene espanso estruso

  • Sulla parte superiore del film vengono posate lastre di polistirene espanso estruso, assicurati di estendersi. Fissato con tasselli-chiodi. È meglio se l’EPS si adatta a due strati: il primo è più spesso di 70 – 170 mm e il secondo è inferiore a – 30 – 50 mm. La cosa principale è che i giunti delle piastre non coincidono, quindi tutti i ponti freddi sotto forma di crepe saranno bloccati.

Impermeabilizzazione di tetti piani

  • Il materiale di copertura e TechnoNIKOL vengono spalmati sopra l’EPSP e incollati alle lastre, ad esempio, utilizzando mastice bituminoso. Questo è lo strato principale di impermeabilizzazione di un tetto piano, quindi deve essere fatto con molta attenzione, senza lasciare spazi vuoti e cercando di non danneggiare il rivestimento..
  • Un massetto di cemento viene posato sopra l’impermeabilizzazione con materiale di copertura. Ciò è necessario se il tetto sarà calpestabile e non necessario se non sarà calpestato..

Schema di isolamento di un tetto piano con lastre di lana minerale

Le lastre di polistirene espanso estruso hanno una forza e una rigidità uniche, non scivoleranno quando si cammina, ma anche le posizioni delle lastre di lana di basalto sono buone. Solo che hanno ancora lo stesso inconveniente: l’igroscopicità, di cui l’EPS è assolutamente privo..

Posa dell’isolamento sopra le travi

Posa dell'isolamento sopra le travi

Di solito decidono di isolare il tetto dall’esterno per disperazione, quando la soffitta è così piccola che ogni centimetro è importante. In questo caso, l’isolamento può essere posato sopra le travi dall’esterno e per questo viene utilizzata schiuma di polistirene estruso..

Fasi di lavoro:

  • Sopra le travi è attaccato materiale in fogli: tavole di legno, compensato. Servirà come base per l’isolamento.
  • Una membrana a tenuta di vapore viene posata sopra il materiale del foglio (non necessario, poiché l’EPS non teme l’umidità).
  • Successivamente, i fogli EPPS sono fissati con tasselli con una testa a fungo, assicurati di fare una pausa.
  • Vengono montati il ​​listello per l’intercapedine di ventilazione e il controtornitura per il fissaggio del materiale di copertura.
  • Il materiale di copertura è allegato.

A volte si consiglia di fissare una membrana impermeabilizzante sopra i pannelli EPSP, ma non è necessario, poiché il materiale non teme l’umidità.

L’isolamento del tetto è una questione abbastanza semplice, può essere eseguita in modo indipendente. Ma non dimenticare che ogni materiale richiede il rispetto della tecnologia del suo utilizzo. Non ignorare i requisiti dell’impermeabilizzazione e della lana minerale barriera al vapore, altrimenti tutto il tuo lavoro andrà in malora.

Come isolare il tetto: video – istruzioni