Bagni, saune e piscine

Installazione del riscaldamento della piscina fai-da-te

Per un comodo bagno in piscina, non solo nelle giornate calde, ma anche nelle giornate fresche, è dotata di impianto di riscaldamento. Esistono diversi modi per riscaldare l’acqua della piscina. Considereremo ulteriormente le loro caratteristiche, caratteristiche e tecnologia di installazione.

Sommario:

Come riscaldare una piscina: caratteristiche dei metodi di riscaldamento

Esistono quattro metodi principali per riscaldare l’acqua della piscina:

  • dispositivi sotto forma di riscaldatori elettrici a flusso continuo;
  • dispositivi di scambio termico;
  • meccanismi di collettori solari;
  • pompe di calore.

Quando si sceglie l’una o l’altra attrezzatura per il riscaldamento della piscina, è necessario tenere conto delle seguenti caratteristiche:

  • la dimensione della piscina e il suo volume;
  • la quantità di acqua costantemente presente in piscina;
  • caratteristiche dei sistemi di comunicazione;
  • preferenze individuali dei proprietari della piscina.

La prima opzione per una piscina esterna riscaldata è installare scaldacqua istantanei. Sono piuttosto popolari tra i consumatori a causa del loro costo economico e dell’elevata efficienza. Se l’acqua viene fornita alla piscina in piccole porzioni, mentre è presente una pressione ottimale, questa opzione di riscaldamento si adatterà perfettamente.

Questa apparecchiatura è di dimensioni compatte, non necessita di locali tecnici aggiuntivi, ecc. Per la fabbricazione del corpo del dispositivo di riscaldamento elettrico vengono utilizzati materiali in plastica di alta qualità, acciaio inossidabile o titanio. Il meccanismo di riscaldamento sotto forma di elemento riscaldante è realizzato in acciaio inossidabile, che resiste perfettamente sia alle alte che alle basse temperature.

Si ricorda che il tipo di riscaldatore elettrico istantaneo deve essere selezionato in relazione al volume d’acqua costantemente presente in piscina. La potenza nominale ottimale per una piccola piscina è di tre kilowatt. Allo stesso tempo, il valore di potenza massimo per il funzionamento di questi dispositivi è di circa diciotto kilowatt. Allo stesso tempo, non sono adatti a piscine troppo grandi e voluminose. Inoltre, questa attrezzatura richiede molta elettricità, il che non è del tutto consigliabile nel processo di riscaldamento delle piscine all’aperto..

Tra i vantaggi dei riscaldatori elettrici a flusso, notiamo:

  • riscaldamento rapido di piccole piscine;
  • la presenza di meccanismi per regolare la temperatura in piscina;
  • se l’acqua nella piscina non circola, speciali sensori spengono il riscaldamento;
  • disponibilità di un sistema di controllo automatizzato;
  • la compattezza offre la comodità di utilizzare questo meccanismo di riscaldamento.

Tra le carenze, segnaliamo:

  • basso livello di potenza, quindi il dispositivo non viene utilizzato quando si riscaldano piscine di grandi dimensioni;
  • enormi costi delle bollette elettriche;
  • impossibilità di installazione in una piscina riscaldata aperta;
  • installazione in una casa con alimentazione limitata – non possibile.

Gli scambiatori di calore, rispetto alla versione precedente, non necessitano di elettricità. Funzionano secondo il principio del riscaldamento della piscina dal riscaldamento generale della casa..

Questo dispositivo ha la forma di un cono, all’interno del quale è presente un dispositivo speciale a forma di bobina, lungo il quale scorre l’acqua calda. Una pompa di circolazione dall’impianto di riscaldamento trasporta l’acqua a questo meccanismo. Una valvola speciale e un termostato regolano l’ulteriore operazione di riscaldamento della piscina. La batteria riceve acqua fredda dalla piscina e si riscalda gradualmente.

Il termostato imposta la temperatura richiesta per la piscina. Tali scambiatori di calore sono caratterizzati da una capacità da tredici a duecento kilowatt. Pertanto, rispetto alla versione precedente, vengono installati all’aperto e per il riscaldamento di grandi piscine. La potenza del dispositivo dipende anche dal volume della piscina e dalla quantità di acqua al suo interno..

Inizialmente, avendo installato uno scambiatore di calore, l’acqua si riscalda per quasi un giorno alla temperatura massima impostata. Tali azioni prevengono lo sviluppo di collassi strumentali, che si verificano a causa del fatto che l’acqua si riscalda molto rapidamente..

In futuro, il dispositivo mantiene una temperatura ottimale. Pertanto, è possibile risparmiare denaro sul riscaldamento. Il dispositivo dello scambiatore di calore è installato tra le stazioni di pompaggio e i dispositivi di disinfezione. Dal momento che riscalda l’acqua già purificata. Se c’è troppa acqua clorata nella piscina, si consiglia di installare uno scambiatore di calore in titanio.

Tra i vantaggi di questo metodo di riscaldamento della piscina, notiamo:

  • risparmiare sul riscaldamento;
  • facilità di installazione e controllo della temperatura;
  • alto livello di potenza.

L’unico inconveniente è il lungo periodo del primo riscaldamento dell’acqua.

Il riscaldamento solare della piscina è una tecnologia di riscaldamento abbastanza nuova, che si basa sul principio di ottenere energia solare e convertirla in energia termica. È possibile l’opzione dell’acqua autoriscaldante sotto il sole. Tuttavia, questo richiederà molto tempo e sole costante. Gli eliosistemi o collettori solari sono chiamati sistemi modulari a cono, che comprendono anche tubi e schermi che ricevono la radiazione solare. Ciascuno dei moduli riscalda fino a trenta metri cubi di acqua, il numero di moduli nel sistema dipende direttamente dalle dimensioni della piscina.

Il collettore solare funziona secondo il seguente principio: il colore del collettore è molto spesso nero, per attirare la cura solare, il sole, cadendo sul collettore, viene assorbito dai suoi meccanismi. Successivamente, il vettore di calore viene riscaldato a una temperatura di centoquaranta gradi. Successivamente viene avviata la pompa di circolazione, situata nel serbatoio di accumulo. L’acqua viene riscaldata e utilizzata sia per l’impianto di riscaldamento che per il riscaldamento dell’acqua.

Esistono modelli di collettori con sensore integrato e valvole automatizzate, con l’aiuto delle quali l’acqua entra nello scambiatore di calore. Quando viene raggiunta la temperatura richiesta, l’acqua non passa attraverso il collettore. Pertanto, è possibile regolare la temperatura del riscaldamento dell’acqua e il processo del suo raffreddamento..

Tra i vantaggi dell’utilizzo di un sistema di riscaldamento solare per piscina, segnaliamo:

  • la velocità di riscaldamento dell’acqua senza utilizzare l’elettricità;
  • facilità di gestione del sistema;
  • la possibilità di utilizzare non solo per riscaldare l’acqua della piscina, ma anche per riscaldare tutta la casa.

Tuttavia, con una radiazione solare insufficiente, l’efficienza del sistema diminuisce. Pertanto, viene spesso utilizzato come riscaldamento aggiuntivo della piscina nel paese..

L’utilizzo di pompe di calore è un’altra opzione per il riscaldamento di una piscina. Questi sistemi non sono molto popolari a causa del loro costo elevato. Il loro lavoro si basa sul principio del trasferimento di calore a più stadi da un oggetto all’altro. La principale fonte di calore è il corpo, che è più caldo dell’acqua della piscina. Possono essere acque del suolo calde e termali, laghi, fiumi, ecc..

Secondo il principio del loro funzionamento, il fluido di lavoro si muove all’interno di una tubazione esterna situata nel sottosuolo. Il fluido di lavoro può essere diverso, ad esempio la composizione dell’antigelo e dell’acqua ordinaria. Uscendo dal tubo, la composizione si riscalda dal terreno, quindi si sposta nello scambiatore di calore e rilascia calore all’elemento sotto forma di refrigerante, che si riscalda istantaneamente e si trasforma in vapore. Successivamente, il vapore viene trasportato al compressore, che viene compresso e durante questa azione riscalda l’acqua. Con l’aiuto di questa energia, è possibile non solo riscaldare la piscina, ma anche la casa..

Il principio di funzionamento di questo sistema ricorda un circolo vizioso in grado di riscaldare enormi edifici con un’area di oltre 350 metri quadrati..

Tra i vantaggi dell’utilizzo di questo metodo di riscaldamento della piscina, notiamo:

  • alto livello di potenza;
  • la velocità di riscaldamento sia dell’acqua che dei locali;
  • la possibilità di utilizzare fonti di calore gratuite come suolo, acqua, ecc..

Tuttavia, il costo di tali installazioni è piuttosto elevato, quindi raramente vengono utilizzati per riscaldare la piscina..

Un’altra opzione per il riscaldamento della piscina è l’uso di caldaie funzionanti sia a combustibile solido che a gas. Questo sistema funziona anche non solo per la piscina, ma per l’intera casa, quindi i costi del suo funzionamento sono notevolmente ridotti..

Se stiamo parlando del riscaldamento della piscina coperta, non dovremmo nemmeno dimenticare l’aria al suo interno. Affinché l’acqua della piscina abbia una temperatura stabile, la stanza deve avere una temperatura dell’aria ottimale, almeno 19 gradi. Per organizzare il riscaldamento, vengono utilizzati i seguenti mezzi:

  • radiatori per il riscaldamento dell’acqua – possono far parte dell’impianto di riscaldamento di tutta la casa;
  • convettori di tipo ad acqua o elettrici, installati sia a parete che a pavimento.

La seconda opzione di riscaldamento è più pratica ed efficiente, soprattutto se i convettori sono integrati nel pavimento. Tuttavia, tali modelli di convettore devono anche avere un ventilatore incorporato, che accelera lo scambio elettrico..

Nel riscaldamento della piscina all’aperto vengono utilizzati riscaldatori a infrarossi. Possono essere sia fissi che portatili. I riscaldatori mantengono la piscina all’aperto a una temperatura confortevole anche in inverno.

Come organizzare il riscaldamento della propria piscina

Uno dei metodi più ingegnosi per il riscaldamento della piscina è l’uso del calore ultravioletto. Proponiamo di valutare la possibilità di predisporre un riscaldamento della piscina con una capacità di dieci metri cubi. Inoltre, ha già un sistema di filtraggio individuale. La piscina è coperta da una cupola in policarbonato. Questo per evitare che fogliame e detriti contaminino l’acqua e la piscina si raffredda meno. Inoltre, la piscina ha una pompa sommergibile.

Il sistema funziona secondo il seguente principio: sul fondo della piscina è presente una pompa elettrica che pompa l’acqua fredda. L’acqua, a sua volta, si sposta nella bobina di schiuma. Il mezzo di riscaldamento viene riscaldato esponendolo alla radiazione solare. L’acqua già calda viene fornita attraverso tubi corrugati sul fondo della piscina dal lato opposto.

Inoltre, la piscina ha una valvola dell’aria, in base alla quale l’acqua viene trasportata in circolo. Per ridurre le perdite di calore, la lunghezza del tubo corrugato dovrebbe essere minima..

Per equipaggiare il riscaldamento della piscina telaio, seguire questi passaggi:

1. Selezionare il luogo in cui verrà installato il collettore in modo che ci sia uno spazio minimo tra esso e la piscina. Il collezionista dovrebbe essere rivolto a sud. Nel sito per la sua installazione, rimuovere lo strato superiore di terreno. Mettici sopra un cuscino di sabbia e ghiaia, sigillandolo bene. Stendere il suo manto impermeabilizzante e stendere le lastre di pavimentazione.

2. Successivamente, dovresti preparare una trave di legno da cui verrà costruito il telaio. Gli angoli in acciaio vengono utilizzati per fissare le barre tra loro. Successivamente, dovresti preparare un telaio del pannello, che è rivestito di compensato. Successivamente, lo scudo viene fissato sulla superficie del telaio precedentemente preparato.

3. Utilizzando gli angoli, installare i lati con scanalature per il vetro, le lamiere sono fissate sul compensato. Successivamente, devi dipingere lo scudo di nero.

4. Più avanti sul collettore è necessario contrassegnare il luogo di installazione dei supporti in schiuma. Dopo aver fissato gli elementi di fissaggio, al loro interno vengono installati tubi di metallo-plastica.

5. Angoli e raccordi vengono utilizzati per assemblare la bobina. Sulle sezioni laterali, praticare due fori attraverso i quali sono installati i tee. Dopo aver assemblato l’impianto di riscaldamento, viene eseguito il suo test idraulico. Inoltre, anche la bobina è verniciata di nero..

6. Nella parte centrale delle schede, la barra di supporto è fissata e il telaio è assemblato da un profilo in alluminio. Successivamente, i vetri della dimensione richiesta vengono tagliati, vengono fissati sulla superficie del telaio con un sigillante e installati nelle scanalature del profilo.

7. Alla giunzione degli occhiali, sono installati morsetti speciali. Per fornire alimentazione alla pompa, è dotata di una presa stagna. Successivamente, viene verificata l’operatività del sistema..

Si prega di notare che questo sistema può essere utilizzato anche per riscaldare le piscine per bambini. Tuttavia, la regolazione del suo funzionamento viene eseguita manualmente. Pertanto, prima di fare il bagno in piscina, si consiglia di scollegare completamente la parte elettrica dell’impianto. Nelle giornate di sole, un tale sistema è in grado di riscaldare l’acqua fino a settanta gradi, mentre l’acqua della piscina è di circa trenta gradi.

Il vantaggio principale dell’utilizzo di un tale sistema è la sua facilità di installazione e manutenzione economica. Poiché c’è un’elaborazione della radiazione solare. Tuttavia, in inverno o nelle giornate nuvolose, il collettore solare non sarà in grado di bruciare completamente la piscina. Pertanto, si consiglia di utilizzarlo come fonte aggiuntiva di riscaldamento..