Bagni, saune e piscine

Installazione del filtro della piscina fai-da-te

Niente piace in una zona suburbana nella calura estiva come una piscina o un laghetto artificiale. Costruire un serbatoio fatto in casa secondo tutte le regole è metà della battaglia, è importante mantenerlo in perfetto ordine. I residenti estivi che utilizzano la piscina sul sito sanno quanto velocemente l’acqua blu più pura diventa torbida e verde se non si utilizza un filtro. In un serbatoio artificiale, la purezza dell’acqua stagnante dipende da un sistema di filtrazione e circolazione ben congegnato. Molte persone non possono permettersi sistemi costosi e devono installare un filtro per piscina con le proprie mani..

Sommario:

Perché pulire l’acqua della piscina??

Nella stagione calda, l’acqua in qualsiasi specchio d’acqua viene gradualmente inquinata dalla materia organica, se non circola, non viene filtrata. Un serbatoio naturale è un complesso sistema di circolazione naturale, in cui le acque sotterranee entrano nel terreno e la loro fornitura viene costantemente reintegrata a causa delle precipitazioni. In natura, la filtrazione viene effettuata in modo naturale, ma in un cottage estivo questo deve essere fatto utilizzando dispositivi speciali.

I fanghi organici si decompongono rapidamente, causando la decomposizione e microscopici microrganismi verdi – alghe blu-verdi e verde euglena – crescono in questo ambiente. Questo processo è noto come “fioritura dell’acqua”, che diventa torbida e verde quando esposta alla luce. Questo processo è ben noto agli acquariofili, ma lo stesso accade in piscina se non c’è filtrazione..

Anche i detriti vegetali – ramoscelli secchi, ovaie, fiori e foglie – cadono sulla superficie dell’acqua. Escrementi di uccelli, sabbia e piccole particelle di terra trasportate dal vento cadono sul fondo della piscina. Frequente in un bacino artificiale e vive ospiti indesiderati – le larve di zanzare e libellule, insetti che cadono (coleotteri, vespe, cavallette). Incapaci di uscire dall’acqua, annegano e si decompongono. Tutta questa spazzatura non solo rovina l’acqua, ma distrugge l’estetica della piscina..

Suggerimento: un filtro con una pompa per piscina aiuterà a correggere la situazione. L’acqua filtrata non viene scaricata, viene depurata e restituita al serbatoio. I detriti vegetali di grandi dimensioni dal serbatoio vengono rimossi con una rete o un apposito cestino per l’acqua traboccante. Speciali additivi chimici aiutano a prevenire la decomposizione e la fioritura dell’acqua. Lo sporco dal fondo viene rimosso con un aspirapolvere ad acqua o un sifone fatto in casa da un tubo.

Varietà di filtri per la piscina e schemi del loro lavoro

Molti sistemi di filtrazione dell’acqua della piscina sono costosi, ma semplici nel design e nel funzionamento. Infiltrati naturali e ingredienti naturali possono filtrare l’acqua. Non importa quale sia il suo nucleo, l’importante è che il filtro della piscina faccia passare un grande volume d’acqua in un tempo relativamente breve, trattenendo lo sporco.

I filtri per piscina pronti e fatti in casa differiscono nel carico di progettazione. Un semplice dispositivo di bassa potenza è sufficiente per una piccola piscina di campagna. Alcuni tipi di sistemi di trattamento sono facili da realizzare..

Lo schema e il principio di funzionamento dei filtri sono molto simili: l’acqua viene aspirata dalla piscina attraverso il tubo di aspirazione e passa attraverso il contenitore con l’elemento di pulizia. L’acqua pulita viene restituita alla piscina. Il riempitivo più semplice ed efficace per i filtri è la sabbia. Le principali varietà oggi utilizzate:

1. Filtro meccanico: utilizza un metodo naturale per far passare l’acqua attraverso un riempitivo, come la sabbia. Raccoglie particelle organiche e inorganiche sotto forma di materia fine sospesa e microrganismi. Questa è un’opzione economica, ma è efficace in una piccola capacità di un cottage estivo.

I filtri meccanici sono classificati in 3 categorie:

  • cartuccia;
  • sabbioso;
  • terroso.

2. Filtro per la pulizia chimica – oltre alla purificazione generale, disinfetta bene l’acqua per renderla inadatta ai microrganismi e al plancton d’acqua dolce. La concentrazione di sostanze nel serbatoio deve essere monitorata in modo che la qualità dell’acqua non danneggi la pelle e gli occhi. Nei modelli costosi di filtri già pronti, vengono utilizzati i reagenti più delicati, inclusa la magnetizzazione aggiuntiva e l’ozonizzazione dell’acqua, e la clorazione non viene utilizzata..

3. Il filtro a diatomee per piscina è un depuratore d’acqua di tipo combinato multilivello. Il riempitivo principale contiene cartucce con una miscela contenente un componente naturale: il plancton. Questa infiltrazione funziona secondo il principio del flusso inverso dell’acqua.

Il sistema è molto efficace, ma costoso e dispendioso in termini di tempo da mantenere, nella rimozione di contaminanti importanti da smaltire correttamente. Pertanto, questo processo è considerato affidabile dagli specialisti. Ma, data la breve stagione estiva alle nostre latitudini, questo deve essere fatto non più di 1-2 volte l’anno..

4. I filtri a cartuccia sono sistemi di purificazione dell’acqua abbastanza semplici, efficaci ed economici. Il riempitivo contiene un tessuto poroso sintetico multistrato che trattiene le particelle di sporco dall’acqua fornita al filtro. Un tale sistema di purificazione dell’acqua è facile da usare e sostituisce le cartucce sporche.

5. Un filtro a sabbia per una piscina è uno dei metodi più semplici di purificazione meccanica dell’acqua. Un metodo di budget efficace, utilizzato attivamente nei bacini idrici fatti in casa in un’area suburbana. Secondo lo schema: un serbatoio con sabbia, dove l’acqua viene aspirata da una pompa e, dopo aver trattenuto la sospensione fine, viene ritirata nel serbatoio. Un’opzione migliorata sono i filtri di ghiaia e sabbia riempiti con scaglie di pietra fini e sabbia con l’aggiunta di carbone attivo. La sabbia può anche essere di diverse qualità: vetro (silicato) o quarzo.

Per fornire acqua a qualsiasi filtro, è necessario creare una differenza di pressione per aspirare ed estrarre l’acqua. Questo avviene naturalmente, sfruttando la differenza di livello dell’acqua e il principio dei vasi comunicanti. Ma è adatto per raccoglitori di detriti galleggianti di superficie sulla superficie dell’acqua. I sofisticati sistemi di filtrazione prevedono l’uso di pompe per azionare grandi volumi d’acqua 2-3 volte al giorno. Quando l’acqua si surriscalda, i processi di decomposizione delle sostanze organiche vengono accelerati, è necessaria una pulizia più frequente. Questo vale anche per il dosaggio dei prodotti chimici..

Con quale frequenza vengono lavati i filtri della pompa?

Pulire o non pulire? Un filtro intasato è inefficace, anche se il motore funziona a pieno regime. I sistemi di pulizia già pronti hanno un manometro situato in una valvola a sei vie. Mostra il grado di contaminazione del mezzo filtrante responsabile della pulizia..

La frequenza di lavaggio del componente principale di un filtro per piscina fai-da-te dipende da diversi fattori:

  • varietà;
  • il tipo di serbatoio e il suo volume
  • grado di inquinamento;
  • carico totale sulla piscina (frequenza delle visite);
  • pulizia meccanica aggiuntiva e disinfezione con reagenti chimici.

Aprendo un filtro fatto in casa, il grado di contaminazione del riempitivo è ovvio. La versione a cartuccia richiede una sostituzione e una pulizia più frequenti del riempitivo: con un carico pesante, è meglio farlo a giorni alterni. E la sabbia per il filtro della piscina perde la sua funzione dopo un po’ e viene sostituita non più di 1 volta a stagione. Il resto del tempo, vengono lavati con un flusso inverso circa 1-2 volte al mese..

Suggerimento: la pulizia complessa più efficace è un filtro di terra più una trappola galleggiante per i detriti superficiali. Il filtro di terra viene pulito all’incirca con la stessa frequenza, smaltindo il riempitivo diventato tossico, come raccomandato dalle istruzioni per il filtro della piscina già pronto.

Per pulire tutti questi tipi di filtri il meno possibile, è meglio monitorare le condizioni dell’acqua. Prima di tuffarsi in piscina, si consiglia di pulire ogni giorno i sedimenti di fondo con un sifone, per non sollevare torbidità, e dai detriti vegetali con una rete. Quindi il filtro non sarà sovraccaricato..

Filtro a cartuccia galleggiante fai da te

L’acquisto di attrezzature per la manutenzione della piscina è costoso, quindi tutto ciò che puoi trasformare in te stesso è in potere di un artigiano domestico, inclusa una cartuccia e un filtro a sabbia per la piscina. Ma è importante prima familiarizzare con il principio del suo funzionamento e vedere gli schemi più semplici..

Per l’autoproduzione di un filtro galleggiante o di un raccoglitore di detriti superficiale, sarà necessario preparare i seguenti componenti:

  • pompa pronta;
  • potente pompa per acquari;
  • cartucce di ricambio per la filtrazione;
  • tubo multimetro in polipropilene e indicatori di direzione ad angolo;
  • barra filettata;
  • tappi sul diametro dell’indicatore di direzione e sulla cartuccia.

Una semplice cartuccia trappola di piccole dimensioni – 5 cm di diametro – è adatta per piccole favole di campagna fatte in casa. Tutti i componenti sono selezionati in base alla loro corrispondenza ad esso.

Suggerimento: per una piscina allungata, utilizzare due o più cartucce, che si collegano al sistema di pulizia generale tramite adattatori e un’asta filettata. Ciò richiede una pompa più potente..

Per assemblare tutti i componenti, praticare un foro nell’angolo del tappo del filtro per infilarlo sul perno, fissandolo con un dado. E sul retro, deve essere collegata una pompa, vedere lo schema:

Attenzione: affinché una tale struttura galleggi liberamente sulla superficie, la trappola per rifiuti è posizionata su una densa schiuma di polistirene (schiuma a densità speciale). Per l’estetica, tutte le parti del filtro sono spesso decorate sotto le foglie di una ninfea galleggiante tagliata da un foglio di plastica.

Tutti gli accessori per i filtri per la depurazione dell’acqua per la piscina possono essere ritirati nei supermercati di materiali da costruzione o “fai da te”. Le pompe per acquari di qualsiasi potenza vengono acquistate nei negozi di animali. Tale filtro viene pulito quotidianamente o man mano che si sporca, sciacquando su un secchio sotto l’acqua corrente, rimuovendo l’indicatore di direzione dell’angolo.

L’unità filtrante finita è composta da una pompa e da una cartuccia che distilla l’acqua. Se hai domande, consulta il filtro a cartuccia fatto in casa per la piscina: il video può essere visualizzato alla fine dell’articolo.

Come fare un filtro a sabbia da soli?

Il modo più semplice per utilizzare la sabbia per piscina pulita a casa è il metodo di pulizia più naturale. Il materiale naturale in questo schema funge da riempitivo del filtro.

Per realizzare un dispositivo di pulizia con le tue mani, avrai bisogno di componenti facili da trovare in un negozio di ferramenta:

  • pompa dell’acqua regolabile o pompa con interruttore;
  • contenitore apribile (plastica, plastica);
  • sabbia di quarzo per un filtro da piscina;
  • manometro (desiderabile);
  • morsetti;
  • tubi (tubi flessibili);
  • sifone per pulizia meccanica;
  • prese d’acqua con svasatura allargata e maglia fine all’uscita.

Non è necessaria una pompa troppo potente per una piscina estiva domestica, c’è abbastanza potenza per 150 watt. L’intero volume d’acqua deve essere pompato attraverso il filtro 2-3 volte al giorno. Cioè con un volume d’acqua di 8 metri cubi / m3. sarà necessaria una pompa con un carico di circa 2,5 metri cubi/ora.

Per un contenitore per sabbia, sono adatti contenitori da 30-40 litri. La sabbia di silicato (quarzo) sotto una lente d’ingrandimento sembra poligoni lucidati di forma irregolare, quindi è sciolta. È la base ideale per riempire il contenitore del filtro. E la sabbia fluviale arrotondata troppo fine non è adatta: si trasforma rapidamente in una massa densa.

La sabbia vetrosa è la più resistente agli agenti chimici (ad eccezione di alcuni tipi di acido). Interagisce bene con gli additivi chimici per il trattamento dell’acqua. Le alghe morte e il microplancton si depositano sul fondo, da dove vengono filtrati in una trappola con filtro a sabbia.

La sabbia deve essere setacciata, separando le frazioni grossolane e le particelle troppo piccole, dalle quali il filtro si intasa. Dopo ripetuti risciacqui, l’acqua dovrebbe rimanere pulita: questo è il miglior indicatore dell’idoneità del riempitivo al quarzo. Gli esperti raccomandano anche di far bollire la sabbia sul fuoco in una grande nave – per una completa disinfezione.

Suggerimento: per rendere più efficiente la filtrazione, aggiungere alla sabbia carbone attivo o barre di grafite..

I serbatoi per la sabbia dovrebbero avere 2 fori: ingresso e uscita. In essi vengono inseriti tubi o tubi, fissati con colla di montaggio. Al posto del foro per il tubo, all’interno viene posta una rete sottile, che distribuisce il flusso dell’acqua e trattiene la sabbia. Quindi le cuciture vengono isolate con un sigillante o silicone, chiudendo il circuito di alimentazione dell’acqua:

La sabbia pulita viene versata nel serbatoio preparato (con un tubo di scarico nella parte inferiore). La parte superiore del filtro deve essere collegata a un tubo flessibile (presa dell’acqua). Il tubo inferiore dal basso è collegato a una pompa (pompa) per garantire il movimento dell’acqua. Si consiglia di inserire un blocco di pulizia tra il serbatoio e la pompa se particelle di sabbia attraversano la rete. Si consiglia di mettere in cima – una trappola galleggiante per una pulizia approssimativa, come nella foto.

Ecco come viene assemblato e funziona un filtro a sabbia fatto in casa per una piscina – video: